Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Storia di Nellina e di quasi un secolo di Catania
Tra la Ognina del ventennio e i bombardamenti

Sebastiana Vinciguerra è nata a Catania nel 1921. Ed è morta la sera di ferragosto di quest'anno, pochi giorni prima di compiere ufficialmente 94 anni. Veniva da Ognina, faceva la fila al mulino di Misterbianco per il pane ed era a Palazzo San Demetrio poco prima che venisse distrutto. Guarda le foto

Iorga Prato

È nata a Catania nel 1921. In un giorno di agosto che sarebbe il 2, ma nei documenti è il 20. Sebastiana Vinciguerra viene al mondo in un momento in cui si portava avanti un'abitudine un po' particolare: registrare i neonati dopo la data di nascita effettiva. Un costume scaramantico che nella Sicilia di qualche tempo fa restisteva: per essere certi che il bambino non morisse, in un periodo in cui la mortalità infantile era piuttosto ragguardevole, per prudenza non veniva registrato prima di aver atteso tempo a sufficienza affinché si fosse certi delle sue condizioni. Un caso celebre è Giovanni Verga, nato nelle campagne di Vizzini e registrato quasi una settimana più tardi a Catania.

Sebastiana è nata da donna Francesca Iacobacci e da Domenico, assessore comunale che rimarrà di stampo defeliciano anche nella Catania poi pesantemente fascista e per questo perseguitato. Il fascismo a Catania prese piede soprattutto dopo le purghe politiche rivolte agli sturziani e ai socialisti. Eredi dei fasci dei lavoratori che potremmo definire, a ragione, tra i primi sindacati d'Italia. Nonché il primo movimento di antimafia della storia.

Erano anni pesanti, quelli del ventennio a Catania. Le famiglie avevano diritto a cento grammi di pane al giorno e lei, signorina quasi ventenne, faceva come tutti la fila al mulino di Misterbianco con in mano il foglio dell'annona. Partendo a piedi dal quartiere di Ognina, dove abitava. Le file per il pane iniziavano quasi all'ultimo orario della notte, per prendere la porzione spettante. Il panificio apriva verso le otto del mattino e ognuno prendeva la propria parte ricevendo un bollo sul foglio dell'annona. Poi a un certo orario, giovani con camicie nere arrivavano con una camionetta, prendevano tutto e il panificio chiudeva. Lasciando le famiglie rimaste indietro in fila senza nulla da mangiare per quel giorno. Erano i tempi in cui le case si lasciavano aperte, perché non c'era nulla da rubare.

A quel tempo Ognina doveva sembrare un altro universo: borgo peschereccio con ambizioni industriali; L'insulare dei Borgetti con alte ciminiere; le carcare, fornaci di laterizi, di papà Domenico; i binari; le villette concentrate in via Messina. Ovunque era una città operosa e attiva. I mezzi di informazione principali erano i giornali e la radio. Sebastiana la troviamo ventiduenne in piena guerra. Nel 1943 era signorina – cosa piuttosto insolita per gli anni '40, periodo in cui le donne venivano accasate piuttosto giovani – e lavoratrice: commessa in un negozio di abbigliamento di alta moda in centro, affacciato sul Piano di Aci.

Palazzo San Demetrio, in via Etnea, devastato dalle bombe

Via Etnea, un edificio a lato dei giardini del Duomo dopo i bombardamenti

Piazza San Francesco, lungo via Vittorio Emanuele

Ognina

Un'immagine dei bombardamenti

Quando era necessario, ognuno si rifugiava dove poteva: l'anfiteatro, le chiese, la cava Daniele e tutte le altre miniere di rena rossa (attrezzate apposta allo scopo). Ma nei momenti di calma la vita procedeva come nulla fosse. Per questo una triste mattina primaverile Sebastiana entra a fare una consegna al secondo piano del palazzo San Demetrio, ai Quattro Canti. Effettuata la consegna, scende di fretta le scale per raggiungere il negozio ed è allora che vede una figura femminile ammantata di luce, ma dura un attimo: pochi istanti dopo è già in strada. Un vigile urbano in tenuta estiva, vedendola, le dice di rientrare nel palazzo, poiché le sirene stanno suonando l'allarme antiaereo. Lei replica che di corsa può raggiungere facilmente il negozio ed è lì che vuole rifugiarsi. «Va bene signorina - le dice il vigile - Si spicciassi! Si spicciassi!».

Passano gli aerei americani. Nessun superstite quel giorno tra le macerie del palazzo San Demetrio. E migliaia di morti nel resto della città. Finito il bombardamento, Sebastiana torna indietro e vede quel vigile nella sua tenuta bianca sporca di sangue e di polvere. Lui che poco prima l'aveva invitata a rientrare nell'edificio. Scoprirò molti anni dopo che il braccio di quell'agente fu la prima immagine che i giornali dell'epoca pubblicarono di quella tragica mattina, lo stesso uomo che forse come ultima persona vide proprio lei, Sebastiana Vinciguerra. 

Gli anni della guerra la segnano quel tanto che basta per trovarla sempre restia a raccontare il suo passato. Nel dopoguerra studia per diventare maestra: ama il contatto con i bambini e vi si ritrova con quel bel sorriso e quelle guance da infante. Lascia però gli studi a fine corso, pare per aiutare la famiglia. In seguito viene combinato dai parenti il matrimonio con Concetto Prato, di sei anni più grande, già combattente in Eritrea e prigioniero inglese in India. Concetto avrà sempre una parte di cuore in queste due nazioni, dove ambienterà, scrittore dilettante, alcuni romanzi. Sebastiana è piuttosto grande per il suo primo figlio, ma analizzando l'albero genealogico pare che il ramo dei Vinciguerra per almeno tre generazioni avesse la primogenitura passati i trent'anni. Dalla coppia nascono tre figli, i cui nomi sono elegantemente presi da illustri gens latine.

Sebastiana visse a lungo in quel di Ognina, in un rione artigiano, operaio e impiegatizio, specchio di una città molto attiva. Concetto costruisce una casa tra le sciare del Rotolo, con un grande cortile dove stavano i cani, animali che amava particolarmente. Lì davanti, una grande carcara, dove alcuni parenti preparavano mattoni, tegole e quant'altro. In anni molto più recenti la coppia si trasferisce nelle palazzine di Cibali in costruzione, che si affacciano sul parco Gandhi. Forse è in questa occasione che imparo a conoscerla.

Di nonna Nellina – così la conosciamo tutti – ho questo bellissimo ricordo a Villa Trevelyan di Taormina, quando ancora gli edifici erano praticabili. Lei si affacciava con noi piccoli cavalieri e damigelle nel castello delle fiabe. Ma le fiabe finiscono e all'alba degli anni '90 moriva Concetto. Non era certamente una coppia perfetta, ma lei non prese molto bene la solitudine, pur essendo circondata e voluta bene dalle famiglie dei due figli più legati. Ormai l'ultimo anno si ritrova bloccata al letto. Ha compiuto 93 anni, ha visto tanto e vissuto altrettanto, ma non ha più volontà. Una serie di ictus la costringono ad un ricovero d'urgenza, dove la noncuranza da parte del personale le ha fatto sorgere diverse piaghe. Viene trasferita a fine giugno in un centro riabilitativo, dove è chiamata affettuosamente «nonnina». Ma ormai Nellina ha già superato i 94 anni. Mancano cinque giorni al compimento ufficiale e, sopportando silenziosamente e coscientemente il dolore, si spegne nella sera del ferragosto del 2015, il giorno dell'Assunzione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews