Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Biancavilla, la moglie: «Lui mi picchiava con il ceppo»
L'omicidio dopo le violenze. In casa armi e marijuana

Sarebbe stata «stanca di subire». Per questo motivo Vincenzina Ingrassia avrebbe ucciso ieri notte il marito, Alfio Longo, colpendolo con un pezzo di legno con il quale lui, poche ore prima, l'aveva aggredita. Nessun furto finito nel sangue, dunque. La 63enne si trova adesso in stato di fermo nel carcere di piazza Lanza

Salvatore Caruso

Avrebbe finto il furto per mascherare l'omicidio del marito. Non sarebbe stata una rapina finita in tragedia la morte di Alfio Longol'elettricista in pensione di 66 anni ucciso nella notte di ieri nella sua villetta nella periferia di Biancavilla. A colpire l'uomo con un ceppo di vite sarebbe stata la moglie, Vincenzina Ingrassia, 63 anni. La donna ha confessato stanotte ai carabinieri un assassinio maturato tra le mura domestiche. E scaturito dopo l'ennesima violenza di Longo. Che poche ore prima l'avrebbe aggredita usando proprio lo stesso pezzo di legno con cui, dopo, è stato ucciso. A confermare le aggressioni del marito all'indirizzo della moglie, i lividi trovati sul corpo di lei. Che adesso si trova in stato di fermo nel carcere di piazza Lanza.

Secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, dopo un altro degli «scatti violenti» del pensionato biancavillese, lui e Vincenzina Ingrassia si sarebbero riappacificati. Dopo aver cenato, i due sarebbero andati in camera da letto a vedere un film. Cioè Cuori selvaggi. Un dettaglio non di poco conto considerando che nella trama della pellicola Ingrassia avrebbe trovato lo spunto per l'omicidio del compagno di una vita. In base ai primi esami, Longo dormiva quando è stato colpito dal pezzo di legno. Resta da accertare se avesse assunto narcotici. Elemento, questo, che potrebbe rafforzare l'ipotesi della premeditazione del delitto.

La confessione, arrivata alle cinque di questa mattina, segue le numerose scoperte delle forze dell'ordine. In primis, quelle due armi - una pistola calibro 92 (del tipo di quelle in dotazione alle forze dell'ordine, risultata rubata nel 1996) e un fucile calibro 12, entrambi con la matricola abrasa - ritrovate in un casolare poco distante dall'immobile di villeggiatura della coppia. A queste si aggiungono le 20 piante di marijuana coltivate tra le vigne, e il piccolo quantitativo di erba lasciata a essiccare all'interno di un boccione di vetro in mansarda. Gli accertamenti della guardia di finanza, inoltre, avrebbero evidenziato un conto corrente «movimentato» e «non modesto», che non sarebbe congruente con la situazione economica della coppia né con il tenore di vita di due pensionati.

A insospettire gli investigatori erano state le contraddizioni della donna. Supportate, in seguito, dai rilievi della scientifica. A lanciare l'allarme all'alba di ieri era stata la stessa Vincenzina Ingrassia. La donna ha raccontato come i ladri - in due, armati e col volto parzialmente coperto - sarebbero entrati da una finestra passando attraverso le vigne che circondano la villetta dei coniugi in zona Milia. Secondo la testimonianza dell'anziana, il marito aveva riconosciuto uno degli assalitori e ne sarebbe nata una colluttazione. Sviluppatasi anche all'esterno dell'abitazione. Lì fuori Alfio Longo sarebbe stato ucciso, salvo poi essere ri-trasportato all'interno della stanza. 

Il racconto della 63enne, inoltre, ha mostrato delle lacune agli occhi degli inquirenti. A cominciare dai tre cani della coppia che, secondo i vicini di casa, non hanno abbaiato durante la notte. «Strano - ha dichiarato all'agenzia Ansa uno dei residenti - si fanno sentire spesso e anche da lontano». Un altro dettaglio che messo in allarme i carabinieri è stata la scelta della modesta villetta in contrada Crocefisso come casa da rapinare. Infatti, il bottino sarebbe stato di poche centinaia di euro e una fede nuziale, quella della vittima, e non quella di Ingrassia. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×