Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Playa, si schiudono le uova di Caretta Caretta
Tartarughe avvistate dai clienti di una discoteca

In 28 sono riuscite a raggiungere il mare per continuare lì la loro vita. Si tratta dei piccoli nati nella notte di giovedì tra il lido Belvedere e il lido Le Piramidi, in viale Kennedy. Solo uno dei tre nidi scavati da esemplari adulti sul litorale sabbioso etneo. I prossimi dovrebbero rompere il guscio già nei prossimi giorni

Luisa Santangelo

Prima ne hanno vista una soltanto. Poi si sono avvicinati e hanno notato tutte le altre. Gli ospiti di una serata in spiaggia, tra il lido Belvedere e il lido Le Piramidi di viale Kennedy, sono stati i primi a vedere le neonate tartarughe, tutte della specie Caretta Caretta, che tentavano di raggiungere il mare. E che avevano appena rotto il guscio delle uova all'interno delle quali sono cresciute, nascoste sotto la sabbia del litorale di Catania. In 27 sono state recuperate, messe in una bacinella e poi lasciate sulla battigia, affinché andassero in acqua. Un'altra, invece, è arrivata da sola fino alle onde. «Questo sembra un anno abbastanza proficuo», dice Grazia Muscianisi del Fondo siciliano per la Natura. È stata lei, già volontaria del Centro di recupero per la fauna selvatica ormai chiuso -, ad essere avvisata, intorno alle tre del mattino di giovedì, dall'Istituto zooprofilattico. «Tutta la filiera della salvaguardia degli animali si è attivata immediatamente», afferma.

Oltre alle uova che adesso si sono schiuse, sulle spiagge degli stabilimenti balneari di viale Kennedy c'è almeno un altro nido. Con 75 uova, al lido Jolly. Poco più in là, alle porte dell'oasi del Simeto, al villaggio Campo di mare c'è un terzo nido con 24 uova. «Queste dovrebbero schiudersi ormai a momenti. Probabilmente in origine le uova erano di più, ma sono state portate via dalle mareggiate - continua Muscianisi - Al lido Jolly, invece, ci aspettiamo la nascita per i primi giorni di settembre». «È importante che quando le uova si schiudono ci sia grande attenzione su di loro. Bisogna che raggiungano l'acqua prima del sorgere del sole, perché non possono stare a lungo esposte alla luce diretta senza rischiare di morire. Quelle nate la notte scorsa, poi, in un primo momento erano rimaste disorientate dai rumori e dalle luci della serata che si stava svolgendo. Per fortuna sono state tutte tratte in salvo».

«Prima non lo dicevamo con facilità - precisano dal Fondo siciliano per la Natura - perché la tutela di questi animali era più complicata, però la Playa e tutto il litorale fino ad Agnone Bagni è la culla delle tartarughe. Le femmine arrivano di notte, depongono le uova e non tornano più. È importante che questo venga individuato come un posto sicuro per loro». Il grande numero di uova deposte, poi, dipende dalla difficoltà che avranno i piccoli di diventare adulti. «Le tartarughe hanno un sacco di predatori naturali durante tutta la loro vita - continuano gli esperti - Da piccole ci sono cani, volpi, gabbiani. Quando entrano in acqua se la devono vedere prima coi pesci più grossi, poi con gli squali e con le spade dei pesci spada. E come se non bastasse la natura ci si mettono gli ami dei pescatori, le buste di plastica, la spazzatura che loro mangiano».

La Caretta Caretta è la specie di tartaruga marina più diffusa nel Mediterraneo. «Ma non è l'unica presente», spiegano. «Ci sono stati casi in cui sono arrivate specie di tartarughe giganti. Sono quelle dalle quali capisci com'è che questi animali esistono al mondo da 120, 130 milioni di anni. A Lampedusa ne hanno fatto motivo di turismo, sarebbe il momento che lo facessimo anche noi. Altrove è accaduto che dei bambini, dopo aver trovato delle uova di tartaruga, ci abbiano giocato tirandosele addosso. Dobbiamo creare consapevolezza su questo argomento. Perché se una cosa la conosci, la proteggi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×