Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, il Tar accoglie il ricorso della Senesi
Sospesa interdittiva per ditta di raccolta rifiuti

La società marchigiana era stata raggiunta a luglio da un provvedimento di sospensione dell'attività a causa del rischio di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata. Da allora, però, l'azienda aveva fatto ricorso al tribunale amministrativo regionale. La sentenza è arrivata nei giorni scorsi

Simone Olivelli

Ricorso accolto, interdittiva annullata. Si conclude così l'estate turbolenta della Senesi spa, la società marchigiana specializzata nel settore della raccolta dei rifiuti, che a luglio scorso era stata raggiunta da un provvedimento emesso dalla prefettura di Fermo, con il quale l'organo periferico del ministero degli Interni sospendeva le attività della ditta a causa del rischio di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata

La misura era stata presa in relazione ai capi di imputazione di cui deve rispondere l'amministratore delegato, Rodolfo Briganti, accusato di reati che vanno dal traffico illecito di rifiuti alla redazione di atti falsi, dall'ingiusto profitto all'indebito incremento del giro d'affari ottenuto gestendo gli impianti di raccolta al di sopra delle capacità degli stessi. Per finire con un risparmio fiscale sugli importi dell'ecotassa e la gestione abusiva di rifiuti pericolosi. Accuse che lo stesso Briganti, all'indomani del provvedimento interdittivo, aveva tenuto a sottolineare risalissero a fatti oramai lontani nel tempo, e che per questo non avrebbero dovuto inficiare la trasparenza delle attività odierne della Senesi.

Sulla vicenda già lo scorso luglio si era pronunciato il Tar delle Marche che aveva sospeso momentaneamente la validità dell'interdittiva, per permettere alla società di espletare i servizi nei Comuni nei quali opera - tra essi, Acireale e Aci Catena - e in attesa della Camera di Consiglio fissata per lo scorso 17 settembre. Ed è così che dall'esame dei documenti, il collegio dei magistrati ha deciso di dare ragione alla società di Porto S. Elpidio, accogliendo la richiesta di annullamento dell'interdittiva antimafia. 

«L’informativa oggetto di ricorso - si legge nella sentenza - non pare adeguatamente motivata con riferimento all'attualità della situazione in relazione ai tempi di commissione dei fatti oggetto di valutazione penale, all'entità economica del giro d’affari (che parte ricorrente individua in quattromila euro nell’arco pluriennale), alla richiesta della direzione distrettuale antimafia di Ancona di dichiarare il non luogo a procedere per il reato di associazionismo di stampo mafioso». Per i magistrati, dunque, per il momento la Senesi è libera di proseguire nelle proprie attività senza alcuna censura: «Gli effetti del provvedimento interdittivo vanno quindi sospesi affinché l’Amministrazione rivaluti la vicenda fornendo adeguata motivazione».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×