Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comune, lunedì in aula il rendiconto 2014
Tra «clima d'urgenza» e debiti fuori bilancio

Il consuntivo delle attività finanziarie dello scorso anno del Comune di Catania arriverà al voto di Palazzo degli elefanti la prossima settimana. Nonostante le perplessità dell'opposizione e la richiesta di accesso agli atti presentata dal Movimento 5 Stelle. A pesare soprattutto i rapporti con le società partecipate

Cassandra Di Giacomo

Lunedì arriva nell'aula consiliare di Palazzo degli elefanti il rendiconto 2014 del Comune di Catania, con oltre sei mesi di ritardo. Il consuntivo finanziario era atteso dai consiglieri nel mese di aprile «anche perché la scadenza per la presentazione al ministero degli Interni era fissata al 31 maggio scorso», precisa il leader di Area popolare Manlio Messina. Che attacca: «Il conto però è arrivato al vaglio della commissione permanente di riferimento soltanto qualche settimana fa, in un clima di urgenza». La necessità di approvare in fretta il bilancio comunale deriva «dal fatto che se il consiglio non vota favorevolmente il consuntivo, per legge il Ministero può sospendere i pagamenti al Comune», continua l'esponente di centro-destra. 

«Non capisco però perché la giunta, che conosce bene i termini di legge e le scadenze cronologiche in merito, se ne sia fregata dei rallentamenti e delle eventuali conseguenze che ricadrebbero sulla mancata erogazione degli stipendi ai dipendenti comunali», afferma Messina. Per il consigliere il ritardo nella presentazione del documento finanziario al senato cittadino è da imputare a una effettiva difficoltà nel redigerlo. Alla base della fatica ci sarebbero «problemi di riequilibrio della quota Iva applicata ad alcune aziende partecipate e un debito di oltre 20 milioni di euro che il Comune detiene con la ditta Sidra e per il quale - prosegue Messina - l'amministrazione sta tentando una conciliazione».

«La giunta di Enzo Bianco non può però fare pagare i suoi ritardi ai consiglieri comunali che hanno avuto troppo poco tempo per studiare le carte», dichiara Messina. Che preannuncia la linea dell'opposizione per lunedì: «Visti i dubbi che nutriamo o voteremo no oppure abbandoneremo l'aula». A esprimere perplessità nei confronti del bilancio 2014 è anche il Movimento Cinque Stelle che, attraverso gli esponenti Nunzia Catalfo, Mario Michele Giarrusso e Giulia Grillo, ha formalizzato una richiesta di accesso agli atti. Nonostante l'assessorato al Patrimonio abbia già incassato sul bilancio il parere favorevole del collegio dei revisori dei conti. «Abbiamo deciso così perché l'iter è stato troppo travagliato e vorremmo approfondire quali spese sostenute siano state in eccesso e in quale settore», dichiara a MeridioNews il senatore Giarrusso. Che aggiunge: «Dopo avere preso visione delle varie voci ci esprimeremo più dettagliatamente».

A spiegare quali sono i punti critici del bilancio è il consigliere comunale del Partito democratico Niccolò Notarbartolo. «Sul consuntivo pesano diversi debiti fuori bilancio, le risultanze di alcune partecipate e il credito dell'imposta Iva che il Comune vanta dall'Azienda metropolitana trasporti etnea», sostiene l'esponente della maggioranza, nonché vicepresidente della commissione Bilancio. Che precisa come sulle casse comunali inciderebbe parecchio la mancata erogazione di contributi da parte dello Stato: «Perché - conclude - attendiamo circa 64 milioni di euro da Roma a fronte di un conto comunale che segna la cifra di meno 180 milioni». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×