Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica, esposto del sindaco Di Guardo
«Provvedimenti contro Oikos, Regione, Arpa»

La denuncia di una «gravissima situazione di disagio ambientale» è stata presentata ieri dal primo cittadino di Misterbianco. «Vogliamo capire perché si continui a tenere l'impianto aperto», afferma riferendosi alla struttura della famiglia Proto. Sabato 10 i comitati civici torneranno in strada a protestare

Carmen Valisano

Manifestazioni, blocchi stradali, mozioni all'Assemblea regionale siciliana. E poi numerosi ricorsi al Tar e opposizioni durante le conferenze dei servizi sul tema. Adesso alla vicenda che riguarda la mancata chiusura della discarica di contrada Valanghe d'inverno - impianto nel territorio di Motta Sant'Anastasia, ma vicino al limitrofo Comune di Misterbianco - si aggiunge una denuncia alla Procura della Repubblica. A presentarla ieri a mezzogiorno è stato il primo cittadino misterbianchese, Nino Di Guardo

Nell'esposto il sindaco scrive di «una gravissima situazione di disagio ambientale». «Nella mattinata di oggi - 26 settembre, ndr - la mia comunità è stata investita da un fetore nauseabondo». Una condizione che, racconta Di Guardo a MeridioNews, «si sta verificando sempre più frequentemente». Le discariche che insistono nella valle del fiume Sieli sono due: quella ormai chiusa, però mai bonificata, in contrada Tiritì e quella nella contigua contrada Valanghe d'inverno. 

Entrambe le strutture sono della Oikos spa, di proprietà della famiglia Proto. Domenico Proto, amministratore dell'azienda, è coinvolto nel processo Terra mia avviato dopo un'indagine della Procura di Palermo. Per questo motivo la ditta è guidata da tre commissari - Maurizio Cassarino, Stefano Scammacca e Riccardo Tenti - nominati dalla prefetta di Catania, ma contestati dai movimenti civici No Discarica. «Cosa fanno i commissari? - si chiede Di Guardo - A noi resta la puzza e nessuno parla».

Nonostante la stessa Regione abbia revocato i permessi allo sbancamento oltre un anno fa e sia stato raggiunto il limite di immondizia fissato in conferenza dei servizi, nell'impianto ogni giorno vengono sversati i rifiuti provenienti da gran parte della Sicilia. Il motivo? L'endemica emergenza del settore. «La vera emergenza è la nostra», sbotta il sindaco di Misterbianco. Che ribadisce l'ipotesi di portare i rifiuti diretti in contrada Valanghe d'inverno fuori dall'Isola. 

«È una discarica illegittima - tuona Nino Di Guardo - ma in nome dell'emergenza si continuano a scaricare oltre mille tonnellate al giorno. Ci siamo rivolti centinaia di volte all'assessore all'Ambiente, al presidente Rosario Crocetta. Adesso, per cercare di tutelare la vita della comunità, ci siamo rivolti alla Procura». Nell'esposto il primo cittadino chiede di «assumere i provvedimenti necessari nei confronti dei titolari delle discariche, della Regione siciliana, della Provincia regionale, dell'Arpa e di quanti hanno competenza in materia». Quello che il primo cittadino chiede è che venga avviata un'indagine. «Vogliamo capire perché si continui a tenere la discarica aperta - afferma - Il valore delle case scende sempre più, ci dobbiamo rifugiare per la puzza, i cittadini soffrono». 

Sabato 10 ottobre si terrà una nuova manifestazione organizzata dai comitati. I raduni sono fissati alle 9 in piazza Mercato a Motta e in piazza Mazzini a Misterbianco. Da lì le due comunità si incontreranno davanti ai cancelli della Oikos, come è già accaduto decine di volte. «Siamo pronti ad azioni anche più radicali - promette Di Guardo - Abbiamo il diritto di vivere finalmente in un ambiente salubre». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×