Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cacciati 32 migranti dal Palaspedini
In infradito e maglietta sotto la pioggia

In 300 sono sbarcati ieri al porto. Per 270 è stato disposto il trasferimento al Nord, mentre gli altri - 31 uomini e una donna - sono stati spostati nella struttura di Cibali. Oggi l'ordine di espulsione. «Non hanno avuto nemmeno un pasto», denuncia la Rete antirazzista. «Sono stati messi alla porta durante il diluvio». Guarda le foto

Carmen Valisano

Foto di: Matteo Iannitti

Foto di: Matteo Iannitti

Magliette bianche e infradito. Questa l'unica assistenza che la città di Catania ha fornito a 32 persone, 31 uomini e una donna, parte dei circa 300 migranti sbarcati ieri al porto etneo. Spostati in un primo momento al Palaspedini, «poco fa gli è stata notificata l'espulsione e li hanno buttati fuori. Sotto la pioggia», denuncia Alfonso Di Stefano, componente della Rete antirazzista. «Non hanno dato loro nemmeno un pasto, li hanno messi alla porta mentre diluviava». 

Dei 300 giunti ieri, per 270 è stato disposto lo spostamento in centri d'accoglienza in nord Italia. Gli altri 32 sono rimasti nella struttura sportiva a Cibali. «Non sappiamo nemmeno chi ha deciso come smistarli - prosegue Di Stefano - Sappiamo solo che verso le 11 hanno notificato loro l'espulsione». Il gruppo proviene da diverse nazioni: Mali, Nigeria, Costa D'Avorio. «Alcuni volevano anche chiedere asilo, ma non hanno avuto occasione di informarsi». 

Adesso è scattato un piano di emergenza improvvisato per dare riparo e un primo pasto ai 32 migranti. Molti sono giovanissimi, appena 18 anni. Duro il commento di Matteo Iannitti, di Catania bene comune: «Inconcepibile una cosa del genere. Prefettura, Comune, questura vergognosamente responsabili di tutto questo». E prosegue: «Nessuno si permetta più di dire che chi comanda a Catania lavora all'integrazione e all'accoglienza. Enzo Bianco dovrebbe vergognarsi e chiedere scusa. Qualche assessore dovrebbe dimettersi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×