Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

PalaSpedini, storie dei migranti cacciati
«Scappiamo dai terroristi o dalla fame»

Trentuno uomini e una donna -  provenienti da diversi Paesi dell'Africa - si trovano adesso in una struttura di via Sangiuliano, in attesa di trovare una sistemazione. Per loro è stato disposto un ordine di espulsione collettivo. «Viaggiavamo per cercare la libertà», dicono. E raccontano vite «senza lavoro né soldi»

Cassandra Di Giacomo

Foto di: Matteo Iannitti

Foto di: Matteo Iannitti

«Abbiamo viaggiato quattro notti e tre giorni per cercare un posto in cui potere essere liberi». A parlare è Isata Bangura, una ragazza di 28 anni che è scappata dal SenegalLei è l'unica donna del gruppo di 32 migranti che - sbarcati mercoledì sera al porto di Catania - ieri hanno ricevuto un ordine di espulsione collettivo. Nonostante la varietà delle motivazioni che ha spinto ciascuno a lasciare il Paese d'origine. «In Senegal non mi era permesso né studiare né lavorare», racconta Isata. La decisione di fuggire in Italia l'ha presa insieme al fratello, il venticinquenne Abubakar. Ma per ragioni diverse. «Io sono scappata perché dopo la morte dei miei genitori sono stata affidata a un cugino di mio padre. Lui mi teneva chiusa a casa, non avevo nessuna libertà», dice la donna. Il fratello ascolta e annuisce, poi parla di sé. «Sono uno studente universitario al secondo anno della facoltà di Informatica. Non avevo più i soldi per pagarmi gli studi e non c'erano opportunità di lavoro per me», spiega Abubakar. «Ma non credevamo che però sarebbe stato così difficile restare qua», dice a MeridioNews.

Accanto a loro siede Pregne Yen Festus. Lui ha 26 anni e si è imbarcato con destinazione Italia da solo. Viene dalla Nigeria e spera «di potere avere fortuna». «In Italia ci sono arrivato ma adesso per qualche motivo vogliono che ritorni nel mio Paese», racconta. E continua: «Là però non posso rientrare perché c'è Boko Haram che ogni giorno fa un attentato terroristico. Molti miei amici sono morti a seguito degli attacchi». La stessa minaccia terroristica ha spinto anche il connazionale Isibor Ege di 28 anni a scappare verso il territorio italiano. «Da quando c'è Boko Haram tutti hanno paura e vogliono andare via», precisa.

Segue attento il discorso Bubacarr Sanyang. Nel suo Paese d'origine, il Gambia, la motivazione che porta le persone ad andarsene è «la fame», interviene. «Nella mia città non c'è lavoro per nessuno e soprattutto non ci sono soldi», continua. Sanyang, insieme agli altri 32 migranti che dovrebbero lasciare presto Catania - e l'Italia - cerca un posto dove passare la prima notte lontano dal mare, dopo tre giorni di viaggio. «Qua potrei stare dovunque», conclude il ragazzo. 

Le storie dei migranti sono diverse l'una dall'altra anche se la maggior parte di loro condivide la stessa voglia di rimanere in Italia. Ma «la richiesta di asilo può essere accolta solo se il Paese di provenienza del migrante è dichiarato in pericolo», spiega Alfonso Di Stefano della Rete Antirazzista. Che però denuncia: «Il foglio presentato ai migranti in questione è collettivo e non esamina il singolo caso». Punto che, invece, stanno già affrontando un gruppo di legali contattati da Di Stefano. Mentre il gruppo è raccolto nella struttura Cavalieri della Mercede di via Sangiuliano ad aspettare. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×