Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica Oikos, domani la manifestazione
La strada dei rifiuti tra Motta e Misterbianco

Una via che collega i due Comuni: è il tragitto seguito ogni giorno da decine di camion carichi della spazzatura di diverse province dell'Isola. Tutti diretti verso l'impianto di Valanghe d'inverno, da oltre un anno dichiarato illegittimo dalla Regione. Che però continua a rinnovare le autorizzazioni. Guarda il video

Carmen Valisano

Via Verdi, 7.30. Nella strada che collega i Comuni di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco in una sola ora passano sedici camion. Autocompattatori, mezzi di pulizia, piccoli scarrabili: un flusso inarrestabile che ogni giorno parte alle prime luci dell'alba e va avanti anche fino al tardo pomeriggio. Tutti i veicoli sono carichi della spazzatura proveniente da diverse province della Sicilia. Sono diretti verso la valle che separa le due cittadine, in contrada Valanghe d'inverno, nella discarica della Oikos spa, azienda gestita da tre commissari nominati dalla prefettura di Catania. L'impianto da un anno non ha più i permessi per lo sbancamento, ritirati dalla stessa Regione che di mese in mese autorizza - in condizione di perenne urgenza - lo sversamento. 

Domani, a partire dalle 8.30, i cittadini delle due comunità scenderanno in strada per una nuova manifestazione. Assieme a loro, diverse realtà del territorio e non solo. Dai tre rioni di sbandieratori - Giovani Maestri, Panzera e Vecchia Matrice - all'associazione Rifiuti Zero Sicilia. Dagli scout Agesci ai rappresentanti di Sinistra ecologia e libertà. «La discarica, al centro dell'inchiesta Terra Mia e di cui era prevista la chiusura, è una delle immagini più evidenti del fallimento e dell'incapacità amministrativa della Regione Siciliana sul tema dei rifiuti», afferma il deputato siciliano Erasmo Palazzotto

Le richieste avanzate sono quelle che i movimenti No Discarica ripetono da anni: la bonifica dell'impianto ormai chiuso nella contigua contrada Tiritì e la chiusura della discarica di Valanghe d'inverno. La fine degli odori insalubri e dei timori per i potenziali rischi per la salute, insomma. E poi ci sono gli interrogativi - sollevati anche attraverso una lettera aperta diretta al presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione - sulla posizione dei tre commissari. Nel documento inviato a Raffaele Cantone i comitati puntano il dito contro Carlo Gualdi, Maurizio Cassarino e Riccardo Tenti. Le domande riguardano la nomina dei tre professionisti, i compensi da loro percepiti, l'attività svolta. Il rapporto tra i commissari e i rappresentanti delle comunità di Motta e Misterbianco si è incrinato irreparabilmente quando, durante l'ultima conferenza dei servizi sulla piano di chiusura - approvato e mai eseguito -, i tre amministratori hanno chiesto di aumentare il livello massimo di rifiuti che è possibile accogliere. 

In questi giorni i residenti hanno avviato una campagna di informazione sui social network, coinvolgendo anche bambini di scuole e asili. A loro si è aggiunto anche  il sindaco di Misterbianco, che ha presentato due denunce alla procura, parlando di «una gravissima situazione di disagio ambientale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews