Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica Oikos, migliaia in corteo per la chiusura
Da Motta a Misterbianco «avvelenano i nostri figli»

«La battaglia sarà lunga». È il grido comune dei cittadini dei Comuni etnei che sono scesi in strada, stamattina, per protestare contro il sito di raccolta dei rifiuti in contrada Valanghe d'inverno. Una manifestazione autorizzata fino alle 13, ma che gli attivisti hanno deciso di far continuare a oltranza. Guarda le foto

Carmen Valisano

Foto di: Carmen Valisano

Foto di: Carmen Valisano

«Stanno avvelenando i nostri figli». Maria Caruso è un'attivista del comitato No discarica di Misterbianco. È solo una del migliaio di partecipanti alla manifestazione contro la discarica Oikos in contrada Valanghe d'inverno, al confine tra i Comuni di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco. «Un pozzo nero che emana puzza e illegalità», è stato definito durante il corteo. Che si è snodato - nonostante la pioggia battente - lungo via Verdi. L'arteria che conduce ai cancelli del sito di raccolta dei rifiuti provenienti da diverse province dell'Isola. Da lì passano i camion carichi di spazzatura. Gli stessi il cui arrivo, oggi, dovrebbe essere previsto nel primo pomeriggio. E che gli attivisti minacciano di bloccare lungo la strada.

«Ogni volta che muore qualcuno di più giovane, ci chiediamo se non sia colpa anche dell'aria che respiriamo», dice una cittadina mottese. Un problema sentito, tanto che la commissione speciale sulla discarica del Comune di Motta ha chiesto all'Arpa i dati aggiornati sulla salubrità della zona. «La battaglia sarà lunga perché chiediamo due cose: chiusura e bonifica di Tiritì (già satura) e di Valanghe d'inferno», afferma Anna Bonforte, attivista misterbianchese, storpiando volutamente il nome della discarica. E le fa eco il sindaco Nino Di Guardo, che distribuisce ai presenti il modello di una denuncia da presentare alle forze dell'ordine. Cosa che lui stesso ha fatto nei giorni scorsi. «Dobbiamo lottare per noi e per i nostri figli», afferma.

A invitare a firmare la denuncia è anche Angela Foti, deputata all'Ars del MoVimento 5 stelle. Che ricorda che la Regione Sicilia non si è costituita parte civile nel processo Terra mia, sulla presunta corruzione per la gestione da parte dei privati delle discariche. «Il diritto alla salute deve essere il primo da perseguire», afferma la pentastellata. Ed Erasmo Palazzotto, di Sinistra ecologia libertà rilancia: «Le risposte che ai cittadini non sono arrivate sono state date s chi ha costruito un business sulla loro pelle». Nel frattempo, un compattatore è arrivato ed è stato fatto tornare indietro dalle forze dell'ordine. La manifestazione, intanto, continua. L'autorizzazione della prefettura arrivava fino alle 13 di oggi, ma gli attivisti hanno deciso di continuare il presidio a oltranza.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×