Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica Oikos, i cittadini presidiano la strada 
Bloccati i camion di spazzatura diretti a Motta

«Per stanotte nessuno scaricherà rifiuti qui». I comitati che chiedono la chiusura degli impianti della famiglia Proto hanno impedito il passaggio ai compattatori provenienti dalle province di Enna, Messina e Palermo. Una protesta iniziata all'alba di ieri, culminata con una manifestazione con un migliaio di partecipanti

Carmen Valisano

Un presidio durato oltre 24 ore, una manifestazione che ha coinvolto - nonostante il maltempo - un migliaio di cittadini, la richiesta di un'interlocuzione con la prefettura. Ma, soprattutto, il blocco dei camion carichi di spazzatura provenienti dalle province di Messina, Palermo ed Enna. È grande la soddisfazione dei comitati No Discarica di Misterbianco e Motta Sant'Anastasia. L'iniziativa contro l'impianto di contrada Valanghe d'inverno - di proprietà dell'azienda commissariata Oikos e dichiarato illegittimo dalla Regione - si è protratta per l'intera giornata di ieri, fino alle 8 di questa mattina. 

Gli ultimi compattatori diretti verso la struttura di proprietà della famiglia Proto sono stati visti all'alba di ieri, quando i cittadini dei comitati hanno allestito il presidio. Per le successive 20 ore gli unici mezzi che hanno percorso via Verdi sono stati i blindati della polizia e le pattuglie dei carabinieri. Poi, alle 3.30 di questa notte, una lunga colonna di camion ha puntato verso la valle. Ma i manifestanti hanno imposto il blocco. «Per stanotte nessuno scaricherà rifiuti a Motta», hanno esultato.

Durante la notte il presidio è stato animato da circa un centinaio di persone che si sono alternate per sorvegliare l'incrocio su via Verdi, la strada che porta alla discarica nella quale l'amministrazione regionale continua ad autorizzare lo sbancamento di rifiuti nonostante il ritiro delle autorizzazioni e i sospetti di corruzione legati all'inchiesta della procura di Palermo Terra mia

«Se penso a cinque anni fa tutto questo mi sembra un sogno», confessa Maria Caruso, attivista misterbianchese. «Quando abbiamo iniziato eravamo solo in quattro ed eravamo additati come pazzi - prosegue - Mai avremmo pensato di realizzare una manifestazione con così tante persone e un presidio, di sabato notte, così partecipato». 

I prossimi passi che i comitati seguiranno è ottenere un incontro con le autorità prefettizie, continuando nell'attività di denuncia degli odori molesti percepiti costantemente nei due Comuni. Una querela formale nei confronti della Oikos «e di quanti con il loro comportamento hanno reso possibile quanto denunciato», come si legge nel modulo messo a disposizione sul gruppo Facebook del movimento

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×