Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Antenna Sicilia, fallita mediazione via ai licenziamenti 
Cgil: «Condotta antisindacale, denunceremo Ciancio»

Sedici lavoratori dell'emittente catanese perderanno il posto entro il mese. «La trattativa è da considerarsi chiusa», dice Davide Foti, sindacalista. L'azienda ha rifiutato «senza dare una vera motivazione» anche la proposta del working buyout, che di recente aveva alimentato le speranze di una soluzione positiva

Marco Di Mauro

È fallita la mediazione per evitare i licenziamenti dei 16 lavoratori dell'emittente Antenna Sicilia. All'incontro svoltosi all'ex palazzo Esa di Catania erano presenti l'assessore regionale al Lavoro Bruno Caruso, i sindacati (Slg-Cgil, Fistel-Cisl), l'associazione siciliana della stampa. La proprietà Ciancio - che controlla la tv - era rappresentata da Renato StramondoLa proposta avanzata dai rappresentanti dei lavoratori è stata la possibilità per gli stessi dipendenti, dichiarati in esubero per motivi economici, di continuare a gestire gli spazi che l'azienda ha dichiarato di volere sopprimere. Ma «è stata rifiutata - dice a MeridioNews Davide Foti, sindacalista Cgil - senza fornire delle vere motivazioni». 

La sola spiegazione dell'azienda sarebbe stata la mancanza di un progetto aderente alle specifiche disponibilità di Antenna Sicilia. «L'emittente non ha messo a disposizione il tecnico che avevamo richiesto per definire il progetto - motiva Foti - e quindi ne è stato presentato uno meno dettagliato, ma pur sempre valido». L'impressione del sindacato è che «la proprietà Ciancio non abbia voluto sentire ragioni - continua Foti - si è seduta al tavolo solo per ribadire la necessità dei licenziamenti». 

I rappresentanti dei lavoratori sono rimasti delusi anche dall'atteggiamento dell'assessore Caruso, «che non ha voluto verbalizzare quanto detto dai rappresentanti della proprietà durante l'incontro». I lavoratori rimangono in stato di agitazione e in assemblea permanente. La trattativa però «è da considerarsi chiusa». «Tra due settimane - lunedì 25 o il martedì successivo, spiega Foti - all'ufficio del lavoro sarà completata la procedura che porterà al licenziamento di 16 dipendenti».

Ma il sindacato promette «il contrattacco». Avrebbe già pronta una denuncia alla Procura della Repubblica, a carico della proprietà Ciancio «per comportamento antisindacale». E starebbe valutando la possibilità «di un'ulteriore denuncia qualora fossero accertate altre irregolarità». Con riferimento ai prodotti televisivi che - divenuti esecutivi i licenziamenti - l'emittente potrebbe acquistare per riempire il proprio palinsesto.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×