Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Motta, i No discarica incontrano la prefetta
Ancora dubbi su chiusura e termovalorizzatori

I referenti dei cittadini che si oppongono all'attività dell'impianto Oikos di contrada Valanghe d'inverno hanno incontrato Maria Guia Federico. La prefettura da un anno controlla l'azienda dei Proto, portando i bilanci in attivo. Ma sulla bonifica o sulla creazione di uno dei sei inceneritori non ci sono conferme né smentite

Carmen Valisano

Foto di: Carmen Valisano

Foto di: Carmen Valisano

Un colloquio durato oltre due ore. Un dibattito a tratti duro, che ha toccato temi come la gestione prefettizia e la realizzazione dei sei inceneritori in Sicilia, ma che non ha prodotto i risultati sperati dai referenti dei cittadini. Ieri quattro rappresentanti dei comitati No Discarica di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco hanno incontrato la prefetta Maria Guia Federico. Il tavolo è stato chiesto proprio dai comitati, al termine del presidio - organizzato tra sabato 10 e domenica 11 ottobre - nel corso del quale è stata ribadita la richiesta di chiusura dell'impianto di contrada Valanghe d'inverno.

Al centro della conversazione i dubbi che da anni circondano la gestione delle discariche Oikos di proprietà della famiglia Proto nel territorio di Motta. Il commissariamento è scattato nel dicembre 2014, pochi mesi dopo l'avvio dell'inchiesta della procura di Palermo Terra mia, a seguito della quale l'amministratore Domenico Proto è stato arrestato. Ma nonostante la regione abbia ritirato le autorizzazioni allo sbancamento, l'impianto in contrada Valanghe d'inverno continua a essere una delle mete principali per i rifiuti provenienti da tutta la Sicilia. Attualmente sono un centinaio i Comuni che sversano nelle vasche della Oikos. 

Secondo i dati forniti dalla prefetta, i bilanci dell'azienda sarebbero tornati in attivo da quando la gestione è passata allo Stato. Nel 2014 sarebbero stati chiusi con un saldo negativo di qualche centinaio di migliaia di euro; nel corso di quest'anno, invece, sarebbero stati prodotti utili per circa sette milioni di euro, soldi che dovrebbero essere raccolti in un fondo statale da investire per le comunità locali. Sarebbero state versate anche le somme dovute a titolo di risarcimento ambientale ai Comuni di Motta e Misterbianco. Sarebbero stati infine accantonati ulteriori due milioni di euro previsti per la futura bonifica della struttura. La prefettura, però, avrebbe dovuto restituire ai Proto 40 milioni di euro perché relativi alla gestione dell'impianto confinante, quello ormai saturo di contrada Tiritì, che non rientra nel lavoro degli inquirenti palermitani.

La prefetta ha dunque voluto sgomberare il campo dai dubbi sull'efficacia dell'azione dei commissari Carlo Gualdi, Maurizio Cassarino e Riccardo Tentipiù volte criticati dai comitati. Restano tutte le altre incertezze, a cominciare da quelle sulla possibile chiusura della discarica. Secondo Maria Guia Federico l'unico ente che potrebbe intervenire è la Regione. Oppure, attraverso nuove indagini, la magistratura. Ma il timore dei rappresentanti dei cittadini, non confermato né smentito, è che la fase di stallo possa durare a lungo. 

I dubbi si fanno sempre più pesanti se lo scenario che si prospetta è quello della realizzazione di uno dei sei termovalorizzatori dell'Isola. Secondo gli esperti consultati dai comitati, per la costruzione di un impianto i tempi di attesa sono di circa cinque, sei anni. Un periodo durante il quale la struttura nel Catanese dovrà continuare ad accogliere i rifiuti provenienti da tutte le province isolane. «Stanno sacrificando due comunità per non farne cadere in emergenza sanitaria un altro centinaio», concludono con amarezza i componenti dei comitati.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×