Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Femminicidio Nicolosi, interrogato Priolo
Gip riconosce premeditazione e crudeltà

Un assassinio d'impeto, non premeditato. È la tesi difensiva del 25enne che ha confessato di aver ucciso lo scorso 7 ottobre l'ex compagna Giordana Di Stefano. Di diverso avviso la giudice per le indagini preliminari, Loredana Pezzino, che ha riconosciuto le aggravanti e confermato la custodia cautelare in carcere

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Peggiora la posizione giudiziaria di Luca Priolo, il giovane belpassese che ha confessato di aver ucciso nella notte dello scorso 7 ottobre, con 45 coltellate, l’ex convivente Giordana Di Stefano, 20 anni. Una relazione sentimentale dalla quale è nata una bambina di quattro anni. Il femminicidio di Giordana Di Stefano è avvenuto a Nicolosi, in via Mompeluso, all’interno della sua auto. Nella mattinata di oggi, dinanzi alla giudice per le indagini preliminari Loredana Pezzino, si è svolto l’interrogatorio di garanzia di Priolo. 

Il 25enne ha confermato di aver ucciso in preda a un impeto e che non avrebbe premeditato in alcun modo l’assassinio della ex compagna. Sarebbe andato da Giordana Di Stefano per chiederle di rimettere la querela di stalking presentata nell'ottobre 2013 e per la quale il giorno successivo si sarebbe tenuta la prima udienza preliminare. Una tesi che non convince gli inquirenti. La gip Pezzino due giorni fa - oltre ad avere emesso un'ordinanza di conferma della custodia cautelare in carcere per omicidio volontario - ha riconosciuto le aggravanti della premeditazione e dell'aver agito con crudeltà

All'interrogatorio di oggi hanno partecipato anche Alessandro Sorrentino, il sostituto procuratore che sta seguendo il caso dal giorno del femminicidio, e i legali difensori di Priolo, gli avvocati Sergio Di Mariano e Gaetano Agosta. «Il nostro assistito - precisa Di Mariano - ha confermato quanto detto in sede di interrogatorio a Milano. La gip tuttavia ha ritenuto, in base agli elementi raccolti, che il giovane ha agito con la ferma volontà di uccidere, avrebbe premeditato tutto». Prossimo passaggio giudiziario, tra pochi giorni. «Presenteremo ricorso al tribunale del Riesame», assicura il legale.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×