Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ipi-Oikos, ministero risponde su commissari
Berretta: «Nominati con criteri discrezionali»

Tre mesi dopo l'interrogazione al ministero dell'Interno del deputato etneo, arriva la risposta del sottosegretario Gianpiero Bocci. Al centro della richiesta di chiarimenti, la scelta della prefetta Federico dei commissari per l'appalto di gestione del servizio di raccolta dei rifiuti a Catania e della discarica di Motta

Redazione

«La risposta del ministero dell'Interno all'interrogazione parlamentare in cui chiedevo chiarezza e trasparenza sui compensi e sui criteri di scelta dei commissari prefettizi delle ditte Oikos e Ipi non fa altro che confermare la totale discrezionalità utilizzata dal prefetto di Catania, Maria Guia Federico». Tre mesi dopo la richiesta di chiarimenti sulla nomina dei quattro commissari prefettizi portata alla Camera dal deputato del Partito democratico Giuseppe Berretta arriva la risposta del ministero, tramite il sottosegretario Gianpiero Bocci. La scelta dei commissari si è resa necessaria dopo l'inchiesta della procura di Palermo Terra mia che ha coinvolto anche Domenico Proto, proprietario della Oikos spa, azienda che ha in appalto - assieme alla Ipi - il servizio di pulizia nel Comune di Catania e gestisce la discarica a cavallo tra i territori di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco. Al centro dell'interrogazione ci sono i nomi di Carlo Gualdi, Maurizio Cassarino e Riccardo Tenti selezionati da Federico per l'appalto del servizio di raccolta a Catania. Per la gestione dell'impianto, assieme a Cassarino e Tenti, viene nominato Stefano Scammacca.

«Nella risposta al mio atto ispettivo – scrive Berretta in una nota – Bocci scrive chiaramente che la scelta del prefetto è stata fatta intuitu personae, quindi senza alcuna trasparenza, senza rendere pubblici i criteri adottati per la scelta, la valutazione dei curricula, le esperienze di queste persone». Anche per quanto riguarda i compensi stabiliti «ci viene detto che la scelta del prefetto è stata discrezionale, perché ai tempi delle nomine, fatte a settembre e dicembre 2014, non sarebbero esistite regole chiare in tal senso». Però, sottolinea il deputato democratico, «ci si sarebbe potuti affidare ai suggerimenti del presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone», che suggeriva di fare riferimento a un altro protocollo d'intesa stipulato per la liquidazione dei compensi degli amministratori giudiziari di beni sequestrati e confiscati.

Una scelta che non sarebbe stata presa in considerazione da Maria Guia Federico, «che ha preferito scegliere in maniera discrezionale le cifre, consentendo ad alcuni commissari di accumulare più incarichi percependo ben 45 mila euro mensili». Compensi moltiplicati per Riccardo Tenti e Maurizio Cassarino, i quali siedono in più terne. «Infine, ma non da ultimo – conclude Giuseppe Berretta – persino il ministero ci conferma che la prefettura ha reso pubblici i compensi sul sito web solo dopo la nostra richiesta di trasparenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×