Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tecnis, sospesa la certificazione antimafia
Decisione basata su dossier Dia del 2014

Nel mirino degli investigatori sono finiti i subappalti e le forniture dei lavori riguardanti l'interporto alla zona industriale di Catania e il raddoppio ferroviario. Dopo l'operazione Dama nera la società ha riorganizzato i suoi assetti aziendali. Dall'inchiesta romana spunta un'interdittiva che sarebbe stata tenuta nascosta

Redazione

Foto di: Sito ufficiale Tecnis

Foto di: Sito ufficiale Tecnis

Arrivano, uno dietro l'altro, i problemi per la Tecnis spa. Il colosso degli appalti nel Sud Italia, secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, da giovedì scorso sarebbe senza la certificazione antimafia. L'interdittiva, disposta dalla prefetta di Catania Maria Guia Federico, si baserebbe su un'indagine della Dia di Catania del 2014. Al vaglio degli inquirenti sono finiti subappaltiforniture di materiale e i possibili collegamenti con Cosa nostra. Gli agenti, su disposizione della Prefettura locale, avevano effettuato alla fine di luglio 2014 alcune perquisizioni nei cantieri dell'interporto alla zona industriale e in quelli del raddoppio ferroviario etneo. Nella stessa giornata gli uomini dell'antimafia erano andati a ispezionare anche i cantieri della società catanese a Salerno, dove Tecnis è la società capofila di un raggruppamento temporaneo d'imprese che si occupa della realizzazione di Porta ovest. Un sistema di gallerie per collegare il porto commerciale con lo svincolo autostradale della Napoli-Salerno. Il progetto da 115 milioni di euro è poi finito al centro di un'inchiesta della procura salernitana dopo un crollo verificatosi alla fine del 2014

La sospensione della certificazione antimafia è soltanto l'ultimo capitolo della turbolenta storia che riguarda l'azienda. Un gruppo edilizio da 1300 dipendenti con appalti sparsi in tutta Italia, finito nelle ultime settimane nuovamente al centro delle cronache dopo l'arresto dei suoi fondatori: gli imprenditori Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo GiudiceEntrambi sono finiti agli arresti domiciliari per il presunto coinvolgimento in un giro di tangenti e mazzette nei lavori pubblici dell'Anas. Un sistema che avrebbe avuto come vertice Antonella Accroglianò, ribattezzata dagli inquirenti la Dama nera. Una dirigente con modi di fare autoritari dalle cui mani passavano gli atti amministrativi della principale stazione appaltante d'Italia. Dopo il suo arresto, Accroglianò ha iniziato a parlare con i magistrati di gare d'appalto, tangenti e di Tecnis. «A Natale dell'anno scorso - racconta un altro articolo di Repubblica arrivò un'interdittiva antimafia per Tecnis, che si decise di tenere nascosta».

Alla fine di ottobre Costanzo e Bosco hanno deciso di lasciare il consiglio d'amministrazione della società. Una scelta da inquadrare nell'ambito di una riorganizzazione interna generale con la nomina dell'ex direttore nazionale della Direzione investigativa antimafia Tuccio Pappalardo come presidente dell'organismo di vigilanza. Durante l'ultimo vertice aziendale, la società ha disposto anche la riduzione del numero dei componenti del cda che passano da cinque a tre. A rimanere in carica sono Riccardo Acernese, come presidente, e Giovanni De Pra, mentre è entrato come nuovo membro Roberto Arcidiacono. Lo scorso agosto aveva invece lasciato il suo ruolo il manager Giulio Stanzione.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×