Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tecnis, stipendi in ritardo e cantieri a rischio 
Sindacati: «Città rischia di restare sventrata»

Sospesa la certificazione antimafia, la prefettura deve nominare dei commissari che sostituiscano il consiglio di amministrazione. I lavoratori, intanto, non riceverebbero lo stipendio da tre mesi. La denuncia è dei sindacati, che chiedono «tempestività» e lanciano l'allarme sulla possibile perdita dei finanziamenti europei

Marco Di Mauro

Foto di: Tecnis

Foto di: Tecnis

«Bisogna correre per non lasciare Catania sventrata e il piano di rilancio delle infrastrutture siciliane bloccato». Gli effetti della crisi di Tecnis - colosso degli appalti pubblici in Sicilia e in tutto il Paese - iniziano ad avere effetto anche sul territorio e sui lavoratori. Rallentano i cantieri e gli operai non sono pagati da settembre. Dopo l'arresto e le dimissioni dei due soci fondatori dell'impresaDomenico Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice -, la sospensione della certificazione antimafia ha fatto decadere il nuovo consiglio di amministrazione. I sindacati temono il blocco dei cantieri e lanciano l'allarme sulla situazione economica e societaria dell'azienda, portando la questione fino al ministero dello Sviluppo economico. «Vanno nominati in fretta i commissari, in sostituzione del cda, per garantire la continuità operativa, l'occupazione dei lavoratori e la ristrutturazione dell'azienda», chiedono Cgil e Cisl.

Tecnis a Catania impiega oltre 250 lavoratori e opera su diversi cantieri. Tra questi anche i tratti di metropolitana Borgo-Nesima, Stesicoro-Giovanni XXIII e Giovanni XXIII-piazza Galatea, finanziati dall'Unione Europea. «Se non saranno completati in tempo, spendendo tutte le somme stanziate – spiega Nunzio Turrisi, segretario di Filca Cisl - l'Europa non attiverà più i fondi per la costruzione dei tratti successivi». Si tratta di 480 milioni di euro da destinare al collegamento della città con Misterbianco e con l'aeroporto Vincenzo Bellini. I lavori «devono essere chiusi entro aprile 2016 – continua il segretario della Cisl – e sono già in ritardo a seguito delle vicissitudini legate alla vicenda Sigenco, a cui Tecnis è subentrata in corso d'opera».

Se i finanziamenti europei non saranno attivati, il rischio è che alla ditta che si è aggiudicata l'appalto delle nuove tratte – la Cmc di Ravenna - «manchino i fondi necessari per completare i lavori e la città resti sventrata per sempre». Al momento i cantieri catanesi continuano a lavorare, ma i sindacati temono ritardi, cosa che è già successa altrove. La causa sarebbe «l'assenza delle materie prime che devono mettere a disposizione i fornitori, preoccupati della crisi dell'azienda e dai mancati pagamenti». Oltre al danno infrastrutturale e paesaggistico «siamo molto preoccupati - continua Giovanni Pistorìo, sindacalista Cgil – dalla possibilità di perdere numerosi posti di lavoro». La questione è stata portata dai sindacati al tavolo del ministero dello Sviluppo economico.

Davanti alle istituzioni, i rappresentanti dei lavoratori hanno chiesto «tempestività nella nomina dei commissari che dovranno prendere il posto del consiglio di amministrazione – riprende Turrisi – per garantire la sopravvivenza dell'azienda». Per legge devono essere nominati dalla prefettura di Catania entro novembre, «ma stiamo pressando per abbreviare i tempi». Nell'elenco delle priorità che i commissari dovrebbero seguire «c'è anzitutto la richiesta per riottenere la certificazione antimafia», sospesa il 15 novembre dalla prefettura di Catania e indispensabile per partecipare alle gare d'appalto. Poi seguirebbe «il pagamento degli stipendi ai lavoratori, in arretrato di tre mensilità, che faticano ormai a recarsi sul posto di lavoro». Infine «la nomina dei nuovi commissari che avranno il compito di verificare il piano di ristrutturazione del debito presentato dalla società – conclude Turrisi – Che dice di vantare 28 milioni di euro da committenze non pagate e punta a coprire per intero i debiti maturati fino al 9 novembre».

I guai dell'azienda, secondo i sindacati, non sarebbero infatti iniziati con le dimissioni di Costanzo e Bosco Lo Giudice - arrivate una settimana dopo il loro arresto nell'ambito dell'inchiesta della procura di Roma denominata Dama nera, che ha tolto il velo su un presunto giro di mazzette e corruzione tra funzionari pubblici. «La crisi economica è precedente, la società infatti aveva pensato a un piano per rientrare dai debiti già prima che scoppiasse lo scandalo giudiziario». E a partire dai prossimi incontri in programma con le istituzioni, i sindacalisti sperano «che ci sia piena collaborazione per salvare i posti di lavoro e la società - afferma Turrisi, che precisa - Tecnis ha committenze per oltre un miliardo di euro in Sicilia e in tutta Italia e dà lavoro a tantissimi operai». «L'intervento della giustizia servirà a bonificare l'azienda, a rilanciarla - conclude Pistorìo - Ma tutto ciò sarà possibile solo se si agirà con tempestività».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×