Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La barbarie e i «ladri di bambini»

Gli assalti ai campi rom napoletani ad opera della camorra, le ronde estremiste contro i diversi, la tiepida reazione della sinistra: lo Stato sta perdendo il monopolio della forza. Si va verso un nuovo «governo della malavita?»

Luciano Granozzi

Occorre innanzi tutto provare a dire, ed a dirsi, la verità, e sapersi misurare coi nudi fatti. Ha provato a spiegarli un brillante storico, Aurelio Musi. Ha scritto a chiare lettere, sull'edizione napoletana di “La Repubblica”, che gli assalti ai campi rom del napoletano sono opera della camorra: «la camorra che assume il controllo della marginalità e che getta benzina sulle reazioni, gestendo gli assalti alle baraccopoli». In una città - Napoli - in cui «la criminalità organizzata occupa persino gli spazi della povertà e dell´assistenza, segregando e distinguendo tra i poveri buoni e i poveri cattivi, tra i fedeli e gli infedeli, tra gli integrati e gli esclusi».

Sono fatti vergognosi per più di una ragione. La vergogna consiste nei pogrom organizzati dalla criminalità napoletana e spacciati come reazioni della popolazione esasperata. La vergogna è un ministro dell’Interno che usa solo qualche mezza parola per condannare le violenze contro i nomadi di Ponticelli. La vergogna è che vengano lasciati liberi di agire gli elementi più estremisti di alcune delle associazioni giovanili della destra governativa che, come a Firenze, parlano di «ronde» da organizzare per tutelarsi dalla criminalità, alimentando così il fondamentalismo di chi considera criminali in atto o potenziali tutti i diversi da sé. La vergogna sono i gruppi dirigenti dei partiti sedicenti di sinistra che, per timore di alienarsi i consensi, appaiono troppo tiepidi nel reagire a questa incipiente barbarie.

Su un quotidiano nazionale Marco Rossi Doria scrive: «Mentre la prefettura aveva annunciato agli uffici comunali l’intenzione di ricorrere a uno sgombero legale dei campi rom di Ponticelli, per ragioni igienico- sanitarie, avviene, dinanzi alle telecamere della Rai, che bande di giovani e meno giovani, spesso con precedenti di mala, assaltano le baracche rom e le bruciano lanciando molotov dai motorini, mirando non solo ai luoghi ma alle persone. Nelle strade vicine si dice, a loro convinto sostegno, che lo fanno per ’vendicare i furti di bambini’. (...) Ma, interrogati dai molti giornalisti presenti sui luoghi, i giovani, divisi in piccoli gruppi di incursori, ammettono altro: che le attività illegali dei rom fanno aumentare la presenza, per loro fastidiosa, della polizia nel quartiere e che i rom sono loro diretti concorrenti nell’accumulazione di ferro, alluminio e rame, rubato e non, da rivendere. Tanto è vero che, bruciato un campo, i poliziotti sono costretti ad allontanare le bande di predatori che intendono "riprendersi rame e ferro" (...) Poco lontano donne del quartiere, davanti alle tv nazionali e locali, ballano e urlano come nelle feste delle orde; e esaltano la vendetta. Si odono le antiche e terribili parole di ogni persecuzione: devono pagare tutti, un’intera comunità "ladra di bambini" per la colpa, ancora da dimostrare, di una sola persona».

La cronaca è fin troppo eloquente. Insomma, qui lo Stato ha perso ogni monopolio della forza, altro che "tolleranza zero"! E l’attuale governo - se non farà in fretta ad affrontare la situazione - rischia di meritare il titolo di governo della malavita (in termini ben diversi dalla definizione di salveminiana memoria). Gli unici ad opporsi, finora, sono stati alcuni volontari della Caritas che hanno portato centinaia di nomadi - tra cui vecchi, donne, bambini inermi - fuori dal pericolo, sistemandoli per la notte in decine di abitazioni di cittadini napoletani civili. È questa Napoli oggi, ed è questa l’Italia. 
     
Questi fatti sono avvenuti nell’indifferenza generale, ripresi dalle telecamere di tutta Italia senza che si levino voci adeguate da parte delle istituzioni. Senza sottovalutare altre nobili cause come la solidarietà con il popolo birmano, vorrei che chi ha occhi per vedere e orecchie per intendere faccia qualcosa. Soprattutto chi oggi ha vent’anni.


http://giornale.lasicilia.it/giornale/1905/CT1905/TS/MO02/navipdf.html

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews