Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tecnis, sindacati a colloquio con prefetta
«Stipendi pagati o mobilitazione generale»

I rappresentanti dei lavoratori del colosso delle costruzioni in prefettura. Annunciano manifestazioni se gli arretrati non saranno saldati e chiedono la nomina di un commissario. «Per riavviare i cantieri», dice Giovanni Pistorìo della Cgil. La Regione? «Dorme colpevolmente»

Marco Di Mauro

Foto di: Tecnis

Foto di: Tecnis

Stipendi pagati o mobilitazione generale. Atmosfera tesa fuori dalla prefettura di Catania dove, mercoledì mattina, si è svolto l'incontro tra la prefetta Maria Guia Federico e i rappresentanti sindacali dei lavoratori Tecnis. L'azienda è in difficoltà finanziarie e non paga gli stipendi da settembre. A peggiorare la situazione, più di recente, le inchieste giudiziarie che hanno coinvolto i fondatori - Domenico Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice - e modificato l'assetto del consiglio di amministrazione. I sindacalisti chiedono «tempi rapidi nella nomina del commissario» - compito della prefetta -, che dovrà sostituire i vecchi dirigenti «per dare continuità di impresa e sostenere il progetto di risanamento finanziario». Dopo l'incontro al ministero dell'Economia e l'impegno chiesto al Comune di Catania, pure la Regione è stata chiamata in campo per sostenere la causa. 

I dipendenti Tecnis non ricevono lo stipendio da settembre, forse – attraverso il pagamento diretto dei committenti - otterranno a breve parte dell'ultima mensilità. «Se non ci sarà garantito il pagamento degli arretrati entro metà dicembre – afferma a MeridioNews il sindacalista Cgil Giovanni Pistorìo – siamo pronti alla mobilitazione generale». A sbloccare la situazione – a seguito della sospensione della certificazione antimafia che ha portato alle dimissioni di parte del cda - dovrebbe provvedere il nuovo commissario. Che la prefettura non ha ancora nominato. «È il solo a potere firmare i documenti necessari a fare ripartire i lavori e garantire il futuro dell'occupazione». Sono circa 400 i dipendenti Tecnis a Catania - più altri delle imprese collegate -, divisi tra sede e cantieri di metropolitana ospedale San Marco.

I sindacati hanno chiesto alla prefetta Federico tempi certi per la nomina del commissario. Hanno tuttavia ottenuto solo generiche garanzie, non una scadenza ben definita. «Siamo in una fase delicatissima e importante – spiega Pistorìo – Il futuro di Tecnis è giocato sui giorni». E su due fronti collegati. Il 7 dicembre, al tribunale di Catania, inizia il percorso finanziario e giuridico – chiamato ristrutturazione del debito – dal cui esito positivo dipende la salvezza dell'azienda. I rappresentanti Tecnis dovranno esporre, al giudice, un piano convincente che dimostri la capacità di pagare – a fornitori, banche e lavoratori - i circa 100 milioni di euro dovuti.

Ma la credibilità del piano economico - tornando sul fronte precedente - «si basa sui profitti che l'azienda è in grado di generare attraverso il completamento dei lavori già in carico e l'assegnazione di nuovi». Accade però che in mancanza del commissario i lavori nei cantieri rallentano «perché i fornitori non sono pagati», e finché l'impresa non riotterrà la certificazione antimafia «non potrà prendere altri incarichi e rischia di non trovare i fondi per completare quelli in cantiere». La situazione sembra «un circolo vizioso che solo l'intervento del commissario può interrompere». Per questo i sindacati chiedono che la scelta ricada sul profilo di un manager piuttosto che su di un burocrate.

Una buona notizia però sarebbe già arrivata, dalle banche. «Sia Unicredit che il Credito Siciliano, secondo quanto ci hanno assicurato in prefettura, – dice Pistorìo – sosterranno a prescindere il piano di ristrutturazione del debito». Che potrebbe essere ulteriormente rafforzato dal rientro in cassa di 28 milioni di euro, in committenze, di cui Tecnis è creditrice. Le porte alle quali bussare sono quelle di «Anas, Ferrovie dello Stato e Interporti siciliani». Per sollecitare i pagamenti, i sindacati hanno chiesto la mobilitazione delle istituzioni regionali, e proposto un incontro con l'assessora all'industria Maria Lo Bello. «Ma alla Regione dormono colpevolmente – conclude l'esponente Cgil – È l'unica istituzione, in Italia, che chiamata in campo non ha mosso un passo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×