Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La Sicilia, cambiamenti al vertice del quotidiano
Mario Ciancio si fa affiancare dal figlio Domenico

Da domani padre e figlio saranno condirettori. La notizia è stata data oggi in prima pagina. «Nuovo impulso e nuove energie», scrive lo storico editore della testata, in una breve lettera indirizzata ai lettori. «È un onore», risponde il rampollo. Che arriva in un momento non felice per il gruppo editoriale

Luisa Santangelo

«Da domani Domenico Ciancio Sanfilippo sarà condirettore de La Sicilia». È con un breve messaggio ai lettori sulla prima pagina del giornale di oggi che Mario Ciancio, editore e direttore del principale quotidiano cittadino, annuncia un sostanzioso cambiamento al vertice della testata. L'uomo solo al comando, che presto compirà 84 anni, si fa affiancare da suo figlio Domenico. Che rappresenta, secondo il padre, «nuovo impulso e nuove energie». Anche per via «dell'esperienza maturata nel giornale e a livello nazionale nel campo dell'editoria».  Poche righe più giù, nella stessa pagina, arrivano anche i saluti del nuovo condirettore: «È un onore per me», scrive nell'attacco.

«Cercherò di svolgere questo ruolo con passione e professionalità - afferma Domenico Ciancio Sanfilippo - Traghettando il nostro e vostro giornale verso un futuro che investe sulla multimedialità senza dimenticare la tradizione e il rispetto di quei valori lasciati in eredità dal fondatore de La Sicilia, Micio Sanfilippo». Vale a dire lo zio di Mario Ciancio, che ha lasciato il giornale nelle mani del nipote nel 1976. «Guidare questa squadra sarà un'esperienza bellissima», conclude il condirettore.

Il figlio dello storico editore e direttore arriva al giornale di viale Odorico da Pordenone in un momento di crisi senza precedenti. L'ultimo taglio alle spese di famiglia è arrivato con la chiusura dell'inserto Eventi de La Sicilia, allegato al giornale dal 1997. Il prossimo passo potrebbe essere l'eliminazione anche di Sicilia in rosa, periodico che dimezzerà la foliazione (passando da 64 a 32 pagine) e che nel 2015 è uscito a cadenza bimestrale invece che, come di consueto, mensile. A questi elementi si somma la chiusura del telegiornale dell'emittente Antenna Sicilia, che non va più in onda dal 28 ottobre

Capitolo a parte meritano invece le vicende giudiziarie di Mario Ciancio Sanfilippo. Nei prossimi giorni, i giudici etnei dovranno decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. La fase preliminare - che ha subito più di una battuta d'arresto - è ormai agli sgoccioli e a chiedere l'imputazione dell'imprenditore catanese sono il magistrato Antonino Fanara e la magistrata Agata Santonocito. È nei faldoni legati a questo procedimento che si trova l'intercettazione tra l'editore e, da adesso, condirettore e l'attuale sindaco Enzo Bianco a proposito dell'affare Pua. Il Piano urbanistico attuativo, variante Catania Sud per il quale l'unico progetto proposto è quello della società Stella polare srl, sulla quale pesa l'ombra di Cosa nostra.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×