Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Si è spenta oggi a Catania Elena Fava
Il suo impegno per i giovani e l'antimafia

Lascia un marito, tre figlie e un nipote. A portare via la figlia del giornalista Pippo Fava, ammazzato dalla mafia nel 1984, è stato un male diagnosticato otto mesi fa. Mercoledì alle 10 i funerali nella chiesa di Ognina. Sarà seppellita accanto al padre. La redazione di MeridioNews si stringe attorno alla famiglia e agli amici

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Elena Fava si è spenta oggi pomeriggio, intorno alle 18, nella sua casa di Catania. La figlia del giornalista Pippo Fava, vittima della mafia, è morta per un cancro al polmone che le era stato diagnosticato otto mesi fa. E che nelle ultime settimane era peggiorato. «Fino agli ultimi giorni abbiamo sperato di potere vincere. Lei era una grande combattente», afferma il fratello Claudio. «Elena non l'aveva detto perché non voleva essere compianta. E perché fino all'ultimo voleva combattere, voleva continuare a fare», dice Resì Ciancio, vicepresidente della fondazione Fava. Di cui la figlia del cronista era presidente dal 2002, anno in cui l'aveva creata «con l'intento di mantenere vivi la memoria e l'esempio di Giuseppe Fava». 

La battaglia di Elena Fava in memoria del padre andava oltre la commemorazione del 5 gennaio - data dell'assassinio per mano del clan Santapaola-Ercolano -, e arrivava fino al lavoro con i giovani e all'impegno quotidiano ogni giorno dell'anno. Aveva 65 anni, lascia un marito, tre figlie e un nipote. E lascia anche l'intera comunità dell'antimafia catanese, che attorno a lei spesso si era stretta. I funerali si terranno mercoledì alle 10 nella chiesa di Ognina. Sarà seppellita nella cappella di famiglia a Palazzolo Acreide. Accanto al padre, originario del piccolo Comune del Siracusano. Il 5 gennaio, davanti alla lapide in onore di Pippo Fava nella via di Cibali che porta il suo nome, a Catania non ci saranno celebrazioni. Solo la tradizionale corona di fiori che, ogni anno, Elena era solita portare.

La redazione di MeridioNews si stringe attorno alla famiglia e agli amici.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.