Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S.M. Licodia, tentano di rubare bancomat
Arrestato commando di quattro pregiudicati

La scorsa notte a Santa Maria di Licodia quattro uomini erano riusciti a scardinare uno sportello automatico. I malviventi sono stati sorpresi dagli agenti del commissariato di Adrano, che sono riusciti a bloccarne la fuga. Recuperati anche quattro mezzi risultati rubati. Guarda il video

Salvatore Caruso

Per Natale avevano deciso di regalarsi 75mila euro in contanti, ma sotto l'albero hanno trovato le manette della polizia. I protagonisti sono quattro pregiudicati, che nella notte di ieri hanno tentato un colpo alla banca popolare di Lodi, nella cittadina di Santa Maria di Licodia. Si tratta di Nicolò Trovato (24 anni, di Adrano), Maurizio Pignataro (38 anni, di Adrano), Rosario Murgo (43 anni, residente a Belpasso) e Mario Russo (42 anni, di Misterbianco). Un vero e proprio commando - composto in totale da sei persone, due delle quali non sono state rintracciate - che attraverso l'utilizzo di un escavatore rubato era riuscito a scardinare uno sportello bancomat. I componenti del gruppo, poi risultati tutti pregiudicati, erano già intenti a recuperare il denaro dalla banca di via Vittorio Emanuele, nel pieno centro storico, quando sono stati bloccati dall'arrivo degli agenti del commissariato di Adrano.

 

I ladri sono arrivati sul posto a bordo di una Fiat Uno rubata a Biancavilla, di una Fiat Punto e di un furgone Iveco, anch'esso trafugato a Biancavilla. Su quest'ultimo mezzo avrebbe dovuto essere caricato il bancomat rubato. L'escavatore con il quale lo sportello è stato scardinato era stato portato via qualche ora prima da un cantiere di Santa Maria di Licodia. Secondo quanto ricostruito dagli uomini delle forze dell'ordine, i malviventi avrebbero bloccato l'accesso a via Vittorio Emanuele - sede dell'istituto di credito -, mentre gli altri portavano avanti il colpo. Che si è concluso male.

I poliziotti erano appostati nei dintorni e sono riusciti a stoppare sul nascere la fuga dei malviventi. Non tutti però. Si suppone che il gruppo fosse composto da sei persone. Due sono riuscite a fuggire e sono ricercate, mentre altre quattro sono state arrestate. Per Trovato, Pignataro, Murgo e Russo sono stati disposti gli arresti domiciliari con le accuse di tentato furto aggravato, danneggiamento e ricettazione. Il servizio delle forze dell'ordine rientra nell'apposito piano predisposto al fine di contrastare i reati predatori. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×