Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terme di Acireale, un privato vuole rilevarle
«Proposta reale, ma non possiamo valutarla»

A presentare la richiesta di comodato d'uso gratuito è una società straniera - il cui nome ancora non è noto - che opera nel settore del termalismo. L'azienda garantirebbe anche la copertura dei debiti. Gianfranco Todaro, gestore per conto della Regione, avverte: «Si deve fare un bando di evidenza pubblica»

Marco Militello

C'è una manifestazione d'interesse a rilevare le Terme di Acireale. A recapitarla all'assessorato regionale all'Economia e al commissario Gianfranco Todaro è stata, poco prima delle festività natalizie, una società straniera che opera nel settore del termalismo il cui nome non è ancora noto. Sul piano economico, la proposta prevede la gestione ventennale in comodato d'uso dei due impianti termali di Santa Venera e Santa Caterina e dell'hotel Excelsior, struttura ricettiva chiusa dal 2011. Fuori dalle mire della società straniera rimarrebbero dunque il Polifunzionale, in via delle Terme davanti all'Excelsior, e l'ormai abbandonato hotel delle Terme, altra struttura ricettiva che si trova sulla statale 114, in condizioni disastrose. 

Accanto alla gestione gratuita per 20 anni, la società interessata garantirebbe la copertura dei debiti pregressi, che ammontano a circa 12 milioni di euro, e un investimento cospicuo – che alcune stime interne attestano su una decina di milioni – per riattivare le strutture, oggi ferme, e rilanciare le attività sanitarie e di benessere delle Terme. A confermare l'esistenza della manifestazione d'interesse è il commissario regionale Gianfranco Todaro, che poche settimane fa ha sostituito Luigi Bosco. «Nei prossimi giorni approfondirò la questione. La proposta è reale – spiega Todaro – ma al momento non possiamo tenerne conto, poiché come è noto l'indicazione dell'assessorato regionale all'Economia (proprietario delle strutture, ndr) è predisporre un bando di evidenza pubblica. La società straniera che ci ha contattati pochi giorni fa potrà partecipare al bando, ovviamente». Secondo Todaro la manifestazione d'interesse rappresenta in ogni caso un buon segno, il sintomo che - a certe condizioni - le Terme di Acireale possono stare sul mercato.

La struttura vive il momento più difficile della sua storia. Le attività sanitarie sono sospese, il parco presente all'interno dello stabilimento di Santa Venera è chiuso da mesi a causa dei danni provocati dal maltempo, due beni come l'hotel Excelsior ed il Polifunzionale sono coinvolti in un contenzioso con Unicredit per le rate non pagate dei mutui con cui erano stati costruiti. Tra il 2008 e il 2010 la Regione aveva sondato il terreno per una privatizzazione mai del tutto decollata. Il bando di evidenza pubblica, la cui tempistica non è affatto chiara, potrebbe rivelarsi l'ultima occasione di rilancio dopo decenni di progressivo declino. Mentre aleggia lo spettro del definitivo abbandono e della speculazione edilizia. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×