Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, estradizione per il boss Brunno
La sua latitanza finita nel 2014 a Malta

È ritenuto dalle forze dell'ordine il reggente del clan siracusano dei Nardo. Fino all'arresto, scattato nell'ottobre 2014, era inserito nell'elenco dei ricercati più pericolosi. Per Sebastiano Brunno è stato disposto il trasferimento in Italia. Dovrà scontare l'ergastolo per omicidio e associazione per delinquere di stampo mafioso

Redazione

Foto di: Polizia di Stato

Foto di: Polizia di Stato

Era stato fermato nell'ottobre 2014 a Malta, mentre passeggiava per strada. In una località turistica gli agenti delle squadre mobili di Catania e Siracusa hanno arrestato quello che era considerato dal ministero degli Interni uno dei latitanti più pericolosi, Sebastiano Brunno. Per il 58enne, considerato reggente del clan siracusano dei Nardo, oggi è stata disposta l'estradizione

L'uomo - detto Neddu a crapa - è stato trasferito in Italia dall'isola maltese. Brunno è stato condannato nel 2009 all'ergastolo per l'omicidio di Nicolò Agnello, delitto avvenuto nel 1992 a Lentini nell'ambito della guerra con la famiglia rivale dei Di Salvo. Oltre alla condanna definitiva per omicidio, deve scontare anche quella per associazione per delinquere di stampo mafioso. Nel mese di giugno le forze dell'ordine hanno sequestrato il patrimonio a lui riconducibile, beni dal valore di 200mila euro. 

Sebastiano Brunno è stato arrestato a San Pawl Il Bahar, località turistica a pochi chilometri dalla capitale La Valletta conosciuta anche come Baia di San Paolo. L'operazione è stata condotta in collaborazione con la polizia di Malta. Dopo un lungo appostamento e un continuo pedinamento, l'uomo è stato fermato mentre stava per andare a pranzo in uno dei ristoranti della zona. Perquisendo l'abitazione del 58enne gli agenti hanno trovato 1500 euro, un pc e un cellulare con una scheda telefonica maltese. «Vi faccio i miei complimenti per l’'arresto. Bravi davvero», avrebbe detto ai poliziotti che lo hanno catturato.

Brunno, ritenuto dagli inquirenti un «soggetto estremamente pericoloso», anche durante la latitanza avrebbe continuato a guidare la consorteria mafiosa, storicamente legata alla famiglia catanese Santapaola-Ercolano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×