Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Unict: «Condotta illegittima sullo statuto»
Dal Cga dubbi su prossime elezioni rettore

La carta - approvata dall'ex rettore Antonino Recca - è arrivata davanti al Consiglio di giustizia amministrativa. I giudici hanno accettato la tesi della docente Febronia Elia che aveva chiesto il commissariamento e altre elezioni. Adesso previste nuove consultazioni, ma non è chiaro di quali organi d'ateneo

È arrivato davanti al Consiglio di giustizia amministrativa di Sicilia il ricorso contro lo statuto dell'università di Catania. Secondo i giudici la carta - al centro di numerose polemiche e di vertenze giudiziarie - è illegittima. Ad avanzare il ricorso è stata la docente Febronia Elia, componente del consiglio d'amministrazione dell'ateneo. Lo scorso novembre a pronunciarsi sulla questione è stato il Tar catanese, che ha respinto le obiezioni presentate dalla professoressa. La quale, già a caldo, aveva annunciato l'intenzione di presentare appello. Adesso il Cga le ha dato ragione

La decisione del Cga pubblicata oggi riapre uno scenario che le voci di corridoio davano come inatteso. Ma che, nonostante tutto, lascia ancora qualche perplessità. I magistrati amministrativi citano, infatti, un articolo della riforma Gelmini sull'università (varata nel 2010) che prevede la scadenza per il rinnovo degli organi statutari dopo un'eventuale variazione dello statuto. Tra questi, il senato accademico, il consiglio di amministrazione e il rettore. A quest'ultima carica, però, è dedicato uno specifico comma, di cui nella sentenza del Cga non si fa menzione. Un'assenza che lascia l'ateneo nel dubbio: se è certo che dovranno rinnovarsi senato accademico e cda (le cui elezioni sono già in programma per quest'anno), non è chiaro se debba procedersi a nuove elezioni per il magnifico, che avrebbero dovuto tenersi nel 2019.

La carta statutaria oggetto del contendere è stata firmata dall'allora rettore Antonino Recca nel dicembre del 2011. Una serie di rilievi mossi dal ministero dell'Istruzione aveva spinto gli stessi dirigenti del Miur a presentare un ricorso che in prima battuta aveva sancito l'illegittimità dello statuto; decisione successivamente confermata anche dal Cga nel marzo 2015. Nel frattempo, però, il nuovo magnifico Giacomo Pignataro ha varato - con l'approvazione di senato accademico e cda - delle modifiche che hanno superato le criticità iniziali evidenziate dal ministero. Tesi, questa, confermata anche da Daniele Livon, direttore generale del Miur. Diverso il parere di Febronia Elia che a luglio 2015 ha presentato il nuovo appello, chiedendo il commissariamento dell'ente e l'elezione di nuovi organi di governo dato che quelli in carica sono stati eletti con uno statuto dichiarato non regolare. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×