Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Femminicidio Nicolosi, Priolo accusato di stalking
Due anni dopo la denuncia, rinviato a giudizio l'ex

Luca Priolo è in carcere con l'accusa di aver ucciso l'ex compagna Giordana Di Stefano. La donna, madre di una bambina nata dalla loro relazione, ha sporto la querela nell'ottobre 2013, raccontando di messaggi assillanti, appostamenti e un'intrusione in casa. L'omicidio è avvenuto a poche ore dalla prima udienza

Redazione

La prima udienza avrebbe dovuto tenersi poche ore dopo l'omicidio. Oggi per Luca Priolo - il 24enne accusato di aver ucciso l'ex compagna Giordana Di Stefano, 20enne - è stato disposto il rinvio a giudizio con l'accusa di stalking. La denuncia è stata sporta dalla donna due anni prima, nell'ottobre 2013. Il corpo della giovane - mamma di una bambina di quattro anni avuta dalla relazione con Priolo - è stato trovato all'alba del 6 ottobre 2015, nelle campagne di Nicolosi. Più di 40 le coltellate che le sono state inferte. Immediata è scattata la ricerca di Priolo, arrestato nella serata a Milano. «Sì, sono stato io... ho perso la testa, non volevo ucciderla», ha confessato l'uomo, originario di Belpasso. 

I due si sono incontrati la sera prima dell'udienza, quando Luca Priolo avrebbe chiesto di ritirare la denuncia. La giovane non si era costituita parte lesa, ma gli inquirenti avevano portato avanti le indagini. Nella querela Di Stefano ha segnalato di aver ricevuto messaggi assillanti, appostamenti e anche un'intrusione in casa. A lanciare l'allarme, non vedendola rientrare in casa, sono stati i genitori della donna quando Luca Priolo era già in fuga verso il nord Italia. Prima con la macchina della madre ritrovata alla stazione di Messina, e poi con un treno diretto a Milano. 

L'uomo si trova nel carcere di piazza Lanza, l'accusa è di omicidio. Il giudice per le indagini preliminari ha riconosciuto nei suoi confronti le aggravanti della premeditazione e dell'aver agito con crudeltà. La prima udienza per il processo per stalking si terrà il prossimo 21 aprile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×