Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, Pta ristrutturato subito vandalizzato
La direzione: «Agire per evitare che si ripeta»

Feci, urina e due estintori svuotati su pareti e pavimento. Il punto territoriale di assistenza, che serve anche le città di Biancavilla e Santa Maria di Licodia, è stato visitato dai vandali poco dopo essere stato risistemato. I pazienti: «Atti del genere meritano l'oscar dell'idiozia»

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

I locali del primo piano del Punto territoriale di assistenza (Pta) di Adrano erano da poco stati ristrutturati. Martedì alcuni vandali, almeno due, si sono introdotti e hanno imbrattato pavimento, sedie e pareti con feci, urina e con la schiuma antincendio di due estintori. Le altre stanze dell'ex ospedale adranita di piazza Sant'Agostino, che sono destinate ad accogliere gli ambulatori, erano chiuse e non sono state toccate.

L'episodio è stato denunciato dai vertici della struttura al commissariato, che ha provveduto a inviare degli agenti per effettuare un sopralluogo. Il direttore sanitario dell’Asp locale Pippo Spampinato ha espresso tutto il suo rammarico sull'accaduto: «Sono stato informato di quanto è successo. Non ci sono parole. Al di là di questo, a breve, valuteremo quanto necessario per evitare il ripetersi di tali gesti». L’intero immobile, utilizzato come struttura sanitaria per ospitare gli ambulatori del distretto sanitario 12 - che serve Adrano, Biancavilla e Santa Maria di Licodia - è sprovvisto di servizio di guardia.

Interessato dall'azione vandalica è stato il piano dell'edificio che un tempo ospitava il reparto di lunga degenza. Ad accorgersene il personale della struttura sanitaria al momento della riapertura. L'aria era irrespirabile a causa della polvere antincendio sprigionata dagli estintori. Tanto che è stato necessario aprire immediatamente le finestre. I vandali hanno anche urinato e defecato sui muri e sulle panche. I cittadini di Adrano, pazienti dell'Asp, sono sconcertati: «Non capisco la ragione di questi gesti», commenta la signora Concetta. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il signor Nicolò: «Gli autori di questo gesto meriterebbero l’oscar dell’idiozia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×