Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Arrestato imprenditore Giuseppe Virlinzi
È accusato di corruzione in atti giudiziari

Il noto uomo d'affari catanese è coinvolto in un'indagine effettuata dai militari della guardia di finanza del comando provinciale di Catania. Nell'inchiesta è coinvolto anche Filippo Impallomeni, presidente della commissione tributaria provinciale di Catania. In aggiornamento

Redazione

Quattro persone arrestate e un quinto ai domiciliari. Tra i nomi delle persone coinvolte nell'inchiesta Tax free spiccano quelli dell'imprenditore etneo Giuseppe Virlinzi e di Filippo Impallomeni, presidente dell'ottava sezione della commissione tributaria provinciale di Catania. L'operazione è stata condotta dai militari del comando della guardia di finanza di Catania guidati dal colonnello Roberto Manna su delega della procura. Da quanto si apprende, la società coinvolta nell'indagine è la Virauto, di cui Virlinzi è amministratore unico. Le manette sono scattate per due lavoratori legati alla storica società di automobili: si tratta di Giovanni La Rocca e Agatino Micalizzi.

Giuseppe Virlinzi, classe 1939, è nato a Enna ed è residente ad Aci Castello. È fratello del Cavaliere del lavoro Ennio, assieme al quale ha costruito un impero imprenditoriale alle falde dell'Etna. È presidente del consiglio di amministrazione e legale rappresentante della Vir immobiliare spa, una delle ammiraglie del gruppo di famiglia. Sarebbe finito nell'inchiesta Tax free per i pagamenti dilazionati di alcune cartelle esattoriali legate alla società Virauto spa, di cui è amministratore unico. Nel 2000 dalla Virauto si è scissa la V4 Immobiliare, un'altra società per azioni. Tra le proprietà di Pino Virlinzi c'è anche un'azienda che porta il suo nome e che si occupa, si legge nei dati della Camera di commercio, di «compravendita di beni immobili: edifici e alloggi residenziali, edifici non residenziali, magazzini, ipermercati e centri commerciali», oltre che di «lottizzazione». Tutte le imprese hanno sede tra i numeri 22 e 24 di viale Ulisse, all'interno del grosso centro polifunzionale di famiglia.

Filippo Impallomeni, classe 1945, è stato dirigente del ministero delle Finanze e dell'economia, in pensione da luglio 2010. Laureato in Giurisprudenza nel 1969, avvocato dal 1982. È stato: direttore provinciale del Tesoro di Catania dal 1988 fino al 2010, nonché reggente delle relative direzioni per le provincie di Enna, Messina e Siracusa. E ancora, giudice tributario e vicepresidente di sezione della Commissione provinciale tributaria di Catania. Componente del comitato regionale di controllo (Coreco) per la sezione catanese, su designazione ministeriale. È stato anche componente del consiglio di amministrazione della società Sifi (Società industria farmaceutica Italia) di Aci Sant'Antonio. È stato presidente di Asec Trade nel 2013, su mandato dell'allora sindaco Raffaele Stancanelli. Tra i casi di cui si è occupato il giudice Impallomeni c'è anche un capitolo relativo all'indagine per elusione fiscale a carico dell'editore del quotidiano La Sicilia Mario Ciancio. Nel 2014 il presidente della commissione tributaria si era espresso in maniera contraria a una richiesta di sequestro da parte della procura della Repubblica di Catania del patrimonio di Ciancio. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×