Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Virlinzi, sentenze modificate in cambio di auto
«Il giudice ha provato a insabbiare le indagini»

Nell'inchiesta che ha portato in carcere l'imprenditore Giuseppe Virlinzi emerge uno spaccato definito di «compiacenza e asservimento consolidato nel tempo». Filippo Impallomeni avrebbe beneficiato dei mezzi della Virauto dal 2010 a costo zero. L'intercettazione: «Posso dire che l'ho presa per la pratica di mia moglie»

Dario De Luca

Foto di: Guardia di finanza

Foto di: Guardia di finanza

«Compiacenza e asservimento consolidato nel tempo». Sono i tratti distintivi del rapporto che si sarebbe instaurato negli anni tra l'imprenditore catanese Giuseppe Virlinzi e Filippo Impallomeni, presidente dell'ottava sezione della commissione tributaria provinciale di Catania. I due sono finiti in manette e rinchiusi in carcere perché accusati dalla procura di Catania di corruzione in atti giudiziariNell'inchiesta denominata Tax free, condotta dal comando etneo della guardia di finanza, sono coinvolti anche due professionisti alle dipendenze della Virauto spa, la storica concessionaria dell'omonima famiglia d'impresari: si tratta del commercialista Giovanni La Rocca e del direttore commerciale Agostino Micalizio, entrambi finiti in carcere. Un quinto indiziato è Antonino Toscano, cancellerie della commissione tributaria per il quale sono stati disposti dal giudice per le indagini preliminari i domiciliari con l'accusa di favoreggiamento aggravato

Filippo Impallomeni (15/08/1945)

Giuseppe Virlinzi (08/06/1939)

Impallomeni grazie al suo ruolo avrebbe stilato diverse sentenze favorevoli nei confronti delle società del gruppo Virlinizi e dell'imprenditore Giuseppe. Virlinzi per gli inquirenti era una sorta di «dominus», che si vedeva rispondere in tempi celeri e in maniera positiva ai suoi ricorsi. Un espediente pare consolidato nel tempo che portava anche all'annullamento di accertamenti fiscali, per un vantaggio complessivo che, secondo la stima della procura retta da Michelangelo Patanè, ammonterebbe a 800mila euro. In cambio, il giudice Impallomeni avrebbe ricevuto l'utilizzo gratuito di alcune autovetture della concessionaria Virauto, almeno a partire dal 2010 e fino al 2015. Cinque anni in cui il l'indagato si sarebbe mosso per la città di Catania a costo zero, senza pagare revisioni, tagliandi e bolli che sarebbero stati tutti a carico della concessionaria. 

Gli dici che il dottore mi ha detto di tenerla ferma perché la deve sistemare

In particolare sotto la lente d'ingrandimento degli investigatori è finita una sentenza emessa nel luglio 2015, che si baserebbe su presupposti falsi. Il dispositivo accoglieva un ricorso presentato dalla Golden Car, società in liquidazione di casa Virlinzi, riconoscendole un rimborso di 80mila euro. Una decisione sulla quale però si sarebbe successivamente consumato anche un tentativo di depistare le indagini. Il giudice dopo una richiesta di accesso agli atti delle fiamme gialle si sarebbe insospettito per una possibile indagine a suo carico, cercando di modificare l'esito della sentenza con la presunta complicità del cancelliere. Il piano tuttavia non si sarebbe concretizzato perché già depositato negli archivi della commissione tributaria. «Lunedì mattina quando tu arrivi - spiega Filippo Impallomeni durante un dialogo intercettato con Toscano - gli dici blocca questa, mettigliela da parte, tornagliela». Il piano viene però stoppato sul nascere dal cancelliere che replica: «Già l'ha caricata». Il giudice etneo tuttavia non demorde è sembrerebbe continuare con le pressioni: «Gli dici che il dottore Impallomeni mi ha detto di tenerla ferma perché la deve sistemare».

Quando il tentativo di depistaggio ipotizzato dall'accusa sembra sciogliersi come neve al sole, il presidente della sezione tributaria sembra dispiaciuto. Un passaggio che emerge sempre in un dialogo intercettato con il suo collaboratore: «Sono stato indeciso fino all'ultimo se depositarla, io gliela facevo di condanna, che mi interessava Nino, alla fine quelli se li possono pagare quattro lire». Tra i dettagli che emergono c'è anche l'utilizzo del bollettino ministeriale, che il giudice avrebbe appiccicato sul parabrezza dell'auto della concessionaria Virlinzi. Ma ci sono anche le possibili giustificazioni che potevano essere fornite agli investigatori: «Posso dire che io ho preso la macchina per far fare pratica a mia moglie, poi quando la guidavo io mettevo questo contrassegno, lo mettevo là nel senso che magari vedevano 'sta cosa, i posteggiatori, i ladri». 

L'inchiesta, coordinata dalla magistrata Tiziana Laudani, non è ai titoli di coda. Ci sono infatti alcuni elementi, sui quali c'è però il massimo riserbo, che consentirebbero ulteriori approfondimenti sul presunto giro di corruzione. Da scandagliare c'è la corposa documentazione prelevata durante le perquisizioni ma anche la galassia societaria dell'imprenditore. Giuseppe Virlinzi, insieme ai tre fratelli - tra i quali il cavaliere del Lavoro Ennio - gestisce numerose aziende nei settori più svariati: dalla chimica, all'agricoltura fino al campo immobiliare

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×