Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Myrmex, polo in vendita sul web a 9 milioni
Sindacati: «Sale la tensione tra i lavoratori»

L'annuncio è stato scoperto oggi sul portale di un gruppo immobiliare internazionale, ma pare ci fosse già da tempo come spiega un agente che si è occupato della trattativa: «Abbiamo proposto l'affare ad aziende estere, ma senza successo». Fuori dai cancelli protestano i dipendenti licenziati. Guarda il video

Redazione

Foto di: Remax.it

Foto di: Remax.it

Un laboratorio di ricerca all'avanguardia venduto online sul portale internet di un gruppo immobiliare, prezzo fissato: nove milioni di euro. La struttura in questione è il polo direzionale di ricerca medica Myrmex, costruito su una superficie totale di oltre 11mila metri quadrati con 50 posti auto. A scoprire l'annuncio sono stati i 62 lavoratori dell'azienda licenziati ufficialmente da oggi e che presidiano i cancelli dello stabilimento che si trova alla zona industriale di Catania. 

«Un colpo di scena», lo definisco i diretti interessati. Sono rimasti di stucco dopo che ormai da mesi propongono l'acquisto dell'azienda al costo simbolico di un euro. Lo stesso prezzo con cui l'aveva fatta sua, in passato, l’avvocato Gian Luca Calvi. L’imprenditore, originario della Lombardia, stipulò con la Regione siciliana un accordo che lo impegnava a mantenere il personale fino al settembre 2013. La cassa integrazione per i lavoratori è iniziata cinque mesi dopo. Dei numerosi piani industriali, proposti in due anni, nessuno è stato mai attuato. 

A quanto pare il tentativo di piazzare online il polo sarebbe iniziato già da tempo: «Si trattava di una vendita mirata, che abbiamo tentato di portare a termine senza riuscirci - spiega uno degli agenti che si è occupato della proposta immobiliare finita sul web -. Cercavamo una clientela specializzata ma le aziende del settore, tra le quali alcune estere, hanno deciso di non investire».

A far visita ai locali finiti in vendita sul portale del colosso RE/MAX, gruppo internazionale presente in 100 nazioni al mondo con una catena in franchising, sono stati oggi i rappresentanti del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), che insieme ai dirigenti di Myrmex. I ricercatori hanno accolto le delegazioni intonando lo slogan: «Vergogna, vergogna! La Myrmex è nostra».  «Il clima di tensione è in aumento; ogni giorno che passa è uno schiaffo alla volontà di salvare posti di lavoro e laboratorio», spiegano il segretario generale della Camera del lavoro, Giacomo Rota, la segretaria confederale della Cgil Margherita Patti e il segretario generale della Filctem Cgil Catania Peppe D'Aquila

Il tempo, secondo i rappresentanti dei lavoratori, sembra scorrere ormai in maniera inesorabile, tra promesse, incontri, ansie e progetti mancati. L'unico destino, al momento, sembrerebbe la vendita ma non alla cooperativa costituita dai lavoratori licenziati: «Se così fosse sarebbe la prova che quando denunciato corrisponde a verità. Sulla Myrmex ci sarebbe, sino alla fine, una speculazione finanziaria e non certo un'operazione di rilancio imprenditoriale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×