Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sostare, penale come sgravio per sisma in Abruzzo
Federconsumatori: «Tutta la procedura è illegittima»

A numerosi utenti stanno arrivando richieste di pagamento da parte di Riscossione Sicilia, con un codice che non ha niente a che vedere con un parcheggio non pagato. «È una follia tutta catanese», spiega l'avvocato Daniele Di Grazia. Ma opporsi con un ricorso al giudice di pace viene a costare persino di più 

Carmen Valisano

Un tributo che per l'Agenzia delle entrate non esiste. Tanto che, per poterlo pagare attraverso il modello F24, il codice da inserire è quello degli sgravi per il terremoto in Abruzzo del 2009. Eppure la lettera, firmata Riscossione Sicilia, arriva dopo non aver pagato il biglietto del parcheggio. È la cartella esattoriale che in questi giorni è stata recapitata a numerosi cittadini che hanno ricevuto una multa da Sostare. Sul parabrezza delle auto vengono trovati due bollettini: la sanzione vera e propria da 25 euro e la penale di dieci euro. Le comunicazioni inviate nelle ultime settimane si riferiscono alla seconda voce di spesa. Il cui costo, dopo l'invio di un primo sollecito di pagamento, lievita fino a 42.75 euro

Il procedimento così frammentato comporta degli ulteriori aggravi di spese per la società partecipata del Comune. L'invio della prima richiesta di pagamento, tramite posta ordinaria, è effettuato dagli avvocati che fanno da consulenti a Sostare. Secondo una stima, sarebbero circa 80mila le lettere inviate lo scorso anno. Scaduti i termini indicati agli utenti, nel caso di mancato pagamento l'incarico passa a Riscossione Sicilia. Ma l'intero impianto della procedura è criticato dalle associazioni che difendono i consumatori

«Non è assolutamente legittima», dichiara categoricamente Daniele Di Grazia, avvocato responsabile della consulta provinciale di Federconsumatori. «Riscossione Sicilia o Equitalia devono limitarsi solo a tributi o crediti come le tasse non pagate o le sanzioni - spiega - Il loro intervento in questa maniera è illegittimo». Nel caso dei dieci euro chiesti da Sostare si tratta infatti di una penale «e non di una multa», sottolinea il presidente di Federconsumatori Catania Salvatore Nicosia. Anche la prima lettera ricevuta può essere contestata. «Si tratta di una nota di costituzione in mora da parte degli avvocati, con posta ordinaria - dice Nicosia - Ma dovrebbe essere notificata almeno con una raccomandata, perché non c'è la certezza del ricevimento né della data di invio».

Cosa fare, dunque, per poter chiedere l'annullamento di quella che Daniele Di Grazia chiama «una follia tutta catanese»? È possibile opporsi facendo ricorso al giudice di pace, «a Catania ci sono diverse sentenze di annullamento», racconta il legale. «Di fatto, però, per l'utente diventa poco economico», sospira Di Grazia. «Per un procedimento del genere ci sono almeno 50 euro di bolli». E conclude: «Diventa una questione di principio, bisognerebbe intervenire politicamente». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews