Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sigonella, ambasciata Usa convoca ex dipendente 
«Hanno ammesso imbarazzo per la mia vicenda»

Carmelo Cocuzza, l'ex lavoratore della base licenziato ingiustamente 16 anni fa, lunedì incontrerà un rappresentante della sede diplomatica statunitense e la responsabile del personale per l'Europa. Bloccato il pignoramento programmato per stamattina. «Speriamo di chiudere finalmente questa storia», dice 

Carmen Valisano

«Non c'è stato bisogno nemmeno di andare davanti la base. Abbiamo la soddisfazione di aver ottenuto finalmente un incontro, ufficiale, dopo tante richieste e notifiche». Carmelo Cocuzza si dice «cautamente ottimista». L'ex dipendente della base militare di Sigonella, licenziato ingiustamente come stabilito anche dalla Cassazione, ha avviato una lunga battaglia legale contro il ministero della Difesa degli Stati Uniti, suo datore di lavoro. Dopo tre gradi di giudizio, nei quali è stata sempre dimostrata la falsità delle accuse a lui rivolte, stamattina avrebbe dovuto tenersi il pignoramento risarcitorio per ottenere il pagamento dei 16 anni di stipendi ingiustamente non percepiti. Ma Cocuzza, il suo avvocato e l'ufficiale giudiziario sono stati bloccati da una telefonata giunta dall'ambasciata Usa a Roma. 

Gli accordi sono stati presi prima del termine delle 11, orario indicato dall'ufficiale giudiziario per l'avvio della procedura. Scongiurando così i timori di una piccola crisi diplomatica nel bel mezzo della piana di Catania. «Finalmente si è arrivati a questa soluzione», dice Cocuzza. Che descrive anche «l'imbarazzo che loro stessi hanno ammesso per come è stata gestita la mia vicenda». Poi conclude: «Speriamo di chiudere finalmente questa storia». «Ci ha contattato il loro rappresentante legale - racconta l'ex lavoratore - Hanno assunto un impegno ufficiale: lunedì avremo un appuntamento a Catania nella sede del loro avvocato». All'incontro saranno presenti anche «la responsabile del personale civile nelle basi in Europa e un rappresentante dell'ambasciata romana». 

Ma l'uomo per il momento mantiene i piedi per terra. La cautela di Cocuzza viene dopo una prima promessa disattesa dal comandante della marina Usa della base, rassicurazione fatta durante il primo tentativo di pignoramento effettuato lo scorso 12 febbraio. Da qui la determinazione di ottenere oggi il sequestro risarcitorio dei beni o - come si è verificato - la certezza di mettere la parola fine a una vertenza che si trascina dal 2000, quando l'uomo è stato ingiustamente accusato di aver falsificato il cartellino d'ingresso. 

«Gli Stati Uniti d’America lavorano in collaborazione con l'Italia e la Nato per garantire una più ampia pace e sicurezza nella regione per sostenere le migliaia di lavoratori, americani ed italiani che fanno parte della comunità di Sigonella», intervengono dalla base militare. E continuano: «Come ospite della comunità italiana ed essendo uno dei maggiori datori di lavoro in Sicilia, la stazione aeronavale della Marina di Sigonella ripone la massima importanza nel mantenimento della fiducia di cui gode presso il pubblico e dei rapporti di solida amicizia». Motivo per il quale confermano ufficialmente l'appuntamento di lunedì con Carmelo Cocuzza: «Per discutere le restanti problematiche relative alla sua rivendicazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×