Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, domenica è sempre domenica
Un bruttissimo copione che si ripete da tre anni

È passato il mercato di gennaio, è passato il cambio di allenatore, da un po' si proclama che ogni partita è una finale. Ma la squadra rossazzurra continua a perdere. Ieri l'ha fatto sul campo del Martina Franca, penultimo in classifica. Ed è difficile, al momento, immaginare cosa potrà arrestare questo declino

Claudio Spagnolo

Lo sappiamo, ormai. Per quanti ricordi ci regali la settimana, per quante immagini di un calcio che non c’è più possano passarci per la mente, per quanta nostalgia ci risvegli il vedere, sia pure in vecchie foto ingiallite, i colori della maglia rossazzurra – alla fine arriva sempre la domenica (quando non è un sabato o un altro giorno qualsiasi della sgangherata settimana del calcio di oggi). E si ripete un copione vecchio di almeno tre anni: un copione che vede inutilmente cambiare interpreti, comparse, capocomici. Ma che continua a infliggerci con seriale monotonia il racconto di un declino che non sappiamo più se e quando si arresterà.

Sono già scorse così, davanti ai nostri occhi sempre meno illusi, molte tappe del percorso di una squadra che dovrebbe lottare, e dico lottare, per salvarsi. È passato senza apparentemente lasciar traccia il calciomercato di gennaio, che un tempo ci regalava insperate metamorfosi della nostra squadra (ricordate come quel brutto anatroccolo che fu il Catania allenato da Atzori si trasformò nello splendido cigno guidato da Mihajlovic?). È passato anche il rito del cambio di allenatore: di cui ha fatto le spese il povero Pippo Pancaro senza che, a giudicare dalla partita persa ieri sul campo della penultima, l’impresentabile Martina Franca, il suo sostituto Moriero ci abbia capito molto di più. E sta ripetendosi – passando intatto di allenatore in allenatore – anche il rituale proclama che ci informa come tutte le partite da disputare di qui alla fine del torneo siano altrettante finali. Il cui numero si assottiglia di settimana in settimana, senza che testa e gambe dei nostri giocatori pensino e corrano come si farebbe in una finale.

Mi vien quasi da ringraziare lo sconosciuto stilista che ha disegnato le divise del Catania di quest’anno. E che ha scelto per le trasferte una orribile mimetica che ha, perlomeno, il pregio di salvare la maglia rossazzurra dallo strazio di queste figuracce. E intanto – avvicinandosi sempre di più la fine del campionato – c’è chi si aggrappa ad altri riti salvifici. Come fanno, per esempio, coloro adesso che propongono di portare tutti i giocatori del Catania in ritiro. Senza accorgersi che, per come vanno le cose oggi, il ritiro dovremmo farlo perlomeno a Lourdes. Sempre ammesso che, per come le cose stanno andando, non ci occorra di arrivare lì e  trovare tutto chiuso.

Ho trovato tenero, tra i ricordi del cavaliere Massimino, un particolare raccontato da Damiano Morra. Che ci racconta come, quando le cose andavano male, al mercoledì, la squadra e il suo presidente si incontrassero tutti fuori città, in una trattoria frequentata da camionisti. E come lì, tra scorpacciate di pollo e spirito di gruppo, si ritrovassero le ragioni per tornare in campo e per vincere. Cosa che poi puntualmente accadeva. Sarà magari un ricordo romanzato, come molti ricordi sono. Ma almeno porta con sé un sorriso che il Catania di oggi non sa più regalarci.

Ceterum censeo Pulvirentem esse pellendum.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews