Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, consiglio su emergenza sicurezza
Musumeci: «Sindaci sono soli e in trincea»

Un incontro in Comune per affrontare il tema della sicurezza nel comprensorio della cittadina etnea, toccato negli ultimi mesi da una escalation di furti e rapine. Presente anche il presidente della commissione regionale antimafia. Il sindaco di Biancavilla: «Reati per pochi spiccioli. Spesso la colpa è anche della droga»

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Un consiglio comunale urgente e straordinario per affrontare l'emergenza sicurezza ad Adrano. La decisione arriva dopo l'improvvisa escalation di rapine, furti e atti vandalici che stanno provocando forti preoccupazioni tra commercianti e cittadini. Alla seduta consiliare, svolta ieri sera, erano presenti il presidente della commissione regionale antimafia Nello Musumeci, i sindaci di Adrano e Biancavilla, Pippo Ferrante e Giuseppe Glorioso, il capitano della compagnia dei carabinieri di Paternò, Lorenzo Provenzano, il vice questore aggiunto del commissariato di polizia di Adrano, Giancarlo Consoli. In aula pure alcuni commercianti, responsabili della Confcommercio, dell’associazione antiracket antiusura Libera impresa e i giovani scout che avevano organizzato una decina di giorni addietro la marcia della legalità per le vie del paese. 

All’inizio della seduta il consigliere Luca Petralia ha illustrato un documento definito «aperto e flessibile» al vaglio dell’intero consiglio. La proposta tratta sei punti: patto per la sicurezza, progetto assistenti civici, accordi di programma sulla sicurezza urbana, promozione della legalità nelle scuole, progetto di riorganizzazione della polizia municipale e miglioramento dei rapporti con i commercianti, polizze assicurative gratuite per commercianti e anziani ultra 65enni, miglioramento dell'illuminazione cittadina

Il presidente della commissione regionale antimafia Nello Musumeci precisa: «Quando la commissione antimafia è chiamata risponde con la propria presenza. In questo delicato momento è necessario tenere unite le istituzioni, I sindaci sono in trincea, si sentono soli: la provincia non c’è più, la Regione appare a volte lontana e non ci sono più le risorse finanziarie per venire incontro alla disperazione della gente». Secondo i dati in possesso di Musumeci: «In Sicilia circa 70 sindaci sono stati minacciati negli ultimi anni - e commenta - Incontrarci ad Adrano significa mettere in condizioni la politica di decidere, dando delle precise priorità».

Il sindaco di Adrano Pippo Ferrante ha ribadito che la presenza di Musumeci abbia rappresentato «un bel segnale. Dimostra grande sensibilità per le comunità siciliane interessate al fenomeno della criminalità, sia essa micro che organizzata». Giuseppe Glorioso, primo cittadino di Biancavilla, ribadisce: «Siamo soli. La provincia non c’è, il deputato regionale e nazionale è lontano. Siamo tutti responsabili se dei giovani mettono a repentaglio la propria e l’altrui vita per procurarsi solo pochi spiccioli. Spesso la colpa è anche della droga». Ad Adrano continua il controllo del territorio. Ieri sera sono stati effettuati diversi posti di blocco. Sono state identificate 85 persone, ispezionati 36 veicoli. Particolare attenzione è stata data al centro storico e al quartiere Monte rosso con mirati posti di controllo e pattugliamenti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews