Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò e Biancavilla, furti negli ospedali
Prese anche monete da distributore caffè

Le strutture sanitarie Santissimo Salvatore di Paternò e Maria Santissima Addolorata di Biancavilla, sono state oggetto di furti negli ultimi giorni. I ladri hanno portato via portafogli con denaro contante, bancomat e carte di credito. Ma anche le monetine presenti all'interno di una macchinetta del caffè

Salvatore Caruso

Gli ospedali di Paternò e Biancavilla nelle ultime 48 ore sono stati oggetto di particolare attenzione da parte dei ladri che ormai non fanno distinzione tra struttura pubblica o privata. A Paternò, nei giorni scorsi, uno o più soggetti si sono introdotti senza incontrare resistenza all'interno di alcuni reparti dell'ospedale Santissimo Salvatore. A quanto pare i ladri si sono soffermati nella stanza del medico di turno, all'interno del reparto di Medicina. La porta, a detta della vittima, era chiusa a chiave e, colui o coloro che sono entrati dentro, con molta probabilità sarebbero in possesso della chiave. I ladri hanno portato via il portafogli della vittima, all'interno del quale c'erano denaro contante, bancomat e carta di credito. La denuncia è stata presentata presso il comando dei carabinieri di Paternò, che stanno indagando. 

«È una struttura pubblica e tutti possono entrare - ha detto un medico in servizio al Santissimo Salvatore di Paternò - quindi abbiamo a che fare con persone di diversa estrazione sociale. Quando andiamo a visitare i degenti nelle singole stanze, prima di ogni cosa chiudiamo a chiave la nostra stanza». Non è la prima volta che armadietti o camere riservate al personale medico e paramedico siano oggetto di furto. Mesi addietro ignoti scassinarono gli armadietti degli infermieri del pronto soccorso, portando via tutto quello che vi si trovasse dentro. Mentre anni fa si era diffusa la cattiva abitudine di rubare, durante la notte, dentro alle stanze dei pazienti i quali, una volta svegli si ritrovavano senza cellulari, portafogli, radioline e oggetti di valore. Un'abitudine che, dopo un appropriato potenziamento del servizio di sorveglianza, era stata quasi del tutto debellata. All'interno del Santissimo Salvatore è presente, ma solo la notte, un vigilantes.

All'alba di stamattina furti anche a Biancavilla. Un'irruzione notturna, da parte di uno o più soggetti, ha portato alla razzia dell'edificio adibito a Centro di riabilitazione, un immobile attiguo all'ospedale Maria Santissima Addolorata. I ladri hanno scavalcato la recinzione e, dopo aver forzato uno dei tanti ingressi della struttura, si sono introdotti nel Centro. Qui hanno danneggiato una macchinetta del caffè, portando via le monetine in essa contenute. Poi si sono spostati e hanno forzato la porta dell'ufficio del primario, mettendola a soqquadro ma senza portare via nulla. Sul caso stanno procedendo i carabinieri del comando locale, che sono stati chiamati dal personale all'apertura del centro. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×