Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La fruizione del Monastero per ciechi e ipovedenti
Un progetto di inclusione realizzato dagli studenti

Gli allievi di tre scuole del Catanese creeranno il materiale informativo rivolto ai visitatori con disabilità visiva. Per progettarlo i ragazzi hanno sperimentato una visita al buio accompagnati da una tutor, Lucia Barbera, che ha mostrato loro cosa vuol dire vivere facendo affidamento solo su tatto e udito

Carmen Valisano

Un laboratorio rivolto agli studenti di tre scuole superiori per realizzare un percorso museale multi-sensoriale. Una maniera per favorire l'inclusione e permettere ai visitatori non vedenti e ipovedenti di conoscere un bene tra i più conosciuti, l'ex monastero dei Benedettini. È il progetto Vietato NON toccare, iniziativa finanziata dal ministero dell'Istruzione e realizzata grazie all'associazione Officine culturali in collaborazione con l'università etnea. Il laboratorio è iniziato lo scorso 15 marzo e coinvolge il liceo artistico Emilio Greco (istituto capofila), il liceo classico Marchesi di Mascalucia l'istituto Fermi-Guttuso di Giarre

Per creare il materiale - tattile e audio - utile alla fruizione del complesso benedettino gli studenti hanno avuto una tutor che ha mostrato loro cosa significa vivere la realtà quotidiana facendo affidamento su tutti i sensi tranne la vista. Lucia Barbera è una giovane non vedente; laureata in Lingue, ha frequentato il dipartimento di Scienze umanistiche che ha sede proprio nel bene di piazza Dante. «Abbiamo bendato i ragazzi e abbiamo fatto una visita simulata - racconta - All'inizio sono stati impauriti, alcuni un po' imbarazzati per l'esperienza». Le arti visive e architettoniche, ovviamente, sono tra quelle più difficili da trasmettere alle persone con disabilità visive. Per permetterlo vengono realizzati dei modelli in scala e delle brochure sonore. «Ho fatto provare agli studenti la mia percezione non solo quando visito ogni monumento, ma come vivo ogni giorno - sottolinea Lucia Barbera - Mi servo di ogni altro senso per orientarmi». 

Per la fase di studio del progetto, quindi, Barbera ha fatto da tutor supportata dagli operatori di Officine culturali. Immersi nel buio, gli allievi hanno esplorato i due chiostri del monastero facendo affidamento solo sul tatto e sull'udito, alternandosi nel ruolo di visitatore e di guida. «È stata un'esperienza meravigliosa - sorride Barbera - Il gruppo è stato attento; alcuni sono stati molto contenti, perché gli è piaciuto scoprire il mondo in un'altra maniera». Il progetto, inoltre, è utile anche nella costruzione della coscienza civica dei ragazzi. «Sicuramente è da riproporre, dovrebbe fare parte delle iniziative da inserire nei programmi didattici in tutte le scuole», precisa Barbera. «Mettersi nei panni degli altri è molto importante - continua - perché aiuta a cambiare parecchi di quei comportamenti di inciviltà e insensibilità che purtroppo affronto ogni giorno». 

La fase di studio si concluderà nelle prossime settimane. Successivamente sarà possibile passare all'elaborazione vera e propria del materiale informativo e, infine, alla sua creazione entro il mese di giugno. Molto soddisfatti ed entusiasti anche i componenti di Officine culturali: «Il coinvolgimento attivo dei più giovani in un progetto di sensibilizzazione e progettazione del genere si presenta come un’occasione di grande arricchimento personale e di inclusione sociale - sottolineano - nonché un processo innovativo di coinvolgimento attivo degli studenti nell'ideazione e produzione degli ausili».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews