Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S. M. di Ganzaria, presunto inchino a boss La Rocca
Processione del venerdì santo al vaglio di inquirenti

Il fercolo del Cristo morto, come riportato da La Sicilia, avrebbe deviato dal percorso ufficiale, raggiungendo piazza Monte del Carmelo. Zona in cui si troverebbe la casa del boss mafioso Francesco La Rocca. Sul caso indagano i carabinieri della stazione locale e del comando di Caltagirone

Cassandra Di Giacomo

Finisce in un fascicolo dei carabinieri di Caltagirone la processione del venerdì santo a San Michele di Ganzaria. Come riporta il quotidiano La Sicilia, il fercolo del Cristo morto del Comune in provincia di Catania avrebbe deviato dal percorso ufficiale, per un presunto omaggio al boss mafioso Francesco La Rocca. Durante la cerimonia, il fercolo portato in spalla da una ventina di persone con al seguito un centinaio di fedeli, avrebbe raggiunto piazza Monte del Carmelo, dove si troverebbe la casa di La Rocca. 

A guidare storicamente la famiglia mafiosa La Rocca, affiliata ai Santapaola di Catania, è stato Francesco. Secondo gli inquirenti, a gestirne gli affari sarebbero oggi i figli. «La processione ha seguito un percorso non autorizzato, passando per la strada che porta alla casa di La Rocca, attualmente in carcere in regime di 41 bis per omicidi e associazione mafiosa, non è ai domiciliari. Così come in carcere è il figlio Gianfranco», spiegano dalla procura di Caltagirone. «Indaghiamo sull'abuso di chi ha deviato il tragitto del fercolo, vagliando immagini e registrazioni», concludono gli inquirenti. Sempre secondo la ricostruzione de La Sicilia, il fercolo del Cristo morto sarebbe stato salutato dall'applauso dei presenti, tra i quali ci sarebbero stati anche alcuni familiari del capomafia

Al momento della deviazione, il sindaco Gianluca Petta, avrebbe tolto la fascia tricolore, prendendo le distanze dall'accaduto. Stesso atteggiamento avrebbero avuto il parroco della chiesa Madre e il comandante della locale stazione dei carabinieri. «Per quanto stava accadendo, con gli amministratori abbiamo deciso di abbandonare come istituzione la processione», afferma Petta. Sul «possibile gesto di riverenza, al vaglio degli investigatori», il primo cittadino sottolinea che «tutte le processioni religiose sino a venerdì scorso, si sono svolte e autorizzate con un percorso che prevedeva il passaggio al Monte Carmelo, così come in altre strade, indipendentemente da chi vi abita».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×