Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Parco dell'Etna, i rifugi che nessuno vuole gestire
Offerte solo per la casa citata da Giovanni Verga

Case Caldarera, Case Bevacqua e Casa della Capinera sono i nomi delle strutture, da poco ristrutturate, che fanno parte del progetto per la fruizione dell'area protetta. Ma l'idea non è mai decollata e due delle tre gare d'appalto sono andate deserte. Costi di gestione e inaccessibilità frenano gli investimenti. Guarda le foto

Francesco Vasta

Vanno deserte due delle tre gare d’appalto indette dal parco dell’Etna per mettere al servizio di turisti ed escursionisti alcuni rifugi montani di recente ristrutturati. Si tratta dei punti base di Case Caldarera, Case Bevacqua e Casa della Capinera, rispettivamente nei territori di Randazzo, Piedimonte etneo e Trecastagni. Mentre per i primi due, sui versanti nord ed est della montagna, non è giunta alcuna offerta – il termine per la presentazione dei progetti era lo scorso 14 marzo - c’è invece speranza per Casa della capinera di contrada Cicirello. Il luogo è noto per figurare nel romanzo verghiano Storia di una capinera, ed è oggetto di cinque offerte

I punti base, uno degli strumenti di fruizione dell’area protetta individuati fin dalle sue norme istitutive, rappresentano una delle grandi incompiute del parco dell’Etna. Quella che avrebbe infatti dovuto essere una funzionale cintura di circa una ventina di luoghi d’accoglienza turistica e stazioni escursionistiche non è mai entrata in funzione. Molte di queste strutture sono rimaste inutilizzate o addirittura sono state vandalizzate. Anche alla luce di ciò, l’indizione delle tre gare era stata salutata positivamente da tutti gli addetti ai lavori, considerato peraltro anche il notevole impegno economico pubblico dietro la riqualificazione dei tre edifici, vecchi casolari totalmente rimessi a nuovo. I cantieri sono stati finanziati con circa un milione e 400 mila euro per quanto riguarda Case Bevacqua, e circa 500 mila euro ciascuno per Case Caldarera e Casa della capinera, fondi provenienti sia dalla Regione che dall'Europa. I lavori hanno riportato all'antico splendore le strutture, senza però riuscire a renderle appetibili per il mercato.

Case Cicirello

Case Bevacqua

Casa Caldarera

Case Bevacqua

Soltanto l’immobile di contrada Cicirello, non molto grande, può ad esempio contare su alcune attrezzature. Ancora più complesso il quadro a Case Bevacqua, quattro edifici per un totale di circa 1000 metri quadrati divisi fra camere, spazi museali e sale ristoro, ultimati alla fine del 2015. Il rifugio, punto base numero 13 a circa mille metri di quota, è accessibile solo a piedi o in fuoristrada e il progetto di ripristino della malmessa trazzera che lo collega alla Milo-Linguaglossa stenta a decollare. Le sale, inoltre, dovranno essere interamente arredate dai futuri assegnatari, ai quali sarà richiesto un notevole sforzo economico. Non tanto dal punto di vista dell’appalto - base d’asta 36mila e 200 euro a fronte di una concessione di nove anni - bensì da quello dei costi di ordinaria gestione di una struttura tanto articolata, ma per adesso raggiungibile solo da nicchie di appassionati. Sarà anche necessario disporre di una strategia che riesca a portare il grande pubblico sul versante orientale del vulcano. 

Di circa 40mila euro, invece, era stata la base d’asta per Case Caldarera e di circa 27mila euro quella più fortunata per la gestione di Casa della Capinera, sulle cui offerte si pronuncerà la commissione giudicatrice già insediatasi. Sul piatto, anche in questi casi, una concessione di nove anni e canoni mensili anche di soli 100 euro per i primi periodi di affidamento. Richieste irrisorie, a detta degli uffici del parco. L’amministrazione dell’ente non si è persa d’animo e infatti è già stato pubblicato un secondo esperimento di gara - in pratica replicando i bandi rimasti senza offerte - per Case Bevacqua e Case Caldarera, con scadenza fissata al prossimo 2 maggio.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews