Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un e-book per raccontare la Sicilia nel nome di Fava 
Autrice: «Scatti ispirati da sue parole sempre attuali»

Mara Trovato ha messo insieme una raccolta di fotografie che prendono spunto dai pensieri del giornalista ucciso da Cosa nostra il 5 gennaio 1984. L'opera digitale potrebbe essere affiancata anche da una versione cartacea: «Magari qualcun altro continuerà coi suoi mezzi di espressione», spiega la fotografa

Giorgia Lodato

Foto di: Mara Trovato

Foto di: Mara Trovato

«Era un sogno nel cassetto». La fotografa Mara Trovato racconta a MeridioNews il suo ebook Il viaggio non ancora concluso. Non un semplice libro digitale, ma il primo passo per continuare il percorso cominciato da Giuseppe Fava, giornalista ucciso dalla mafia il 5 gennaio 1984. È stato proprio il libro Processo alla Sicilia a gettare in Mara il seme che oggi, a distanza di più di vent’anni dalla prima lettura, è germogliato. Una raccolta di fotografie, scattate dal 1992 al 2015, che danno luce, colore e immagini ai possibili pensieri del giornalista di Palazzolo Acreide, ucciso quando Mara era adolescente. «Ho sentito tantissimo questo fatto, soprattutto perché abitavo a Cibali, la zona dove è stato ucciso Pippo Fava. È stato sempre un amore forte quello per la sua figura, così come quello per la mia terra».

A vent’anni Mara si è iscritta al primo corso di fotografia, poi si è trasferita a Londra per approfondire gli studi. Torna nella sua isola per le vacanze e per trascorrere un po’ di tempo con i genitori. Ma anche e soprattutto per fotografare. «Ho sempre la macchina dietro e quando mi ritrovo davanti l’obiettivo un’immagine che possa dar vita alle parole di Fava, per me sempre attuali, scatto». Il fascino della Sicilia con i suoi percorsi, le verdi pianure geometriche e le colline, le case popolari, le spiagge incontaminate, Priolo, l’orizzonte di montagne grigie. Sono i contrasti del panorama siciliano a farla da padrone nel libro di Trovato, ma non solo. «I contrasti forti riguardano anche la gente, il catanese non è come il palermitano o l’ennese. Tra i vari paesi cambia tutto, c’è un’altra lingua, altre usanze. Ho fotografato, usando le parole di Fava, "Un continente dentro una nazione”». «Fate venti chilometri e cambia di colpo anche il panorama umano», scriveva Giuseppe Fava in Processo alla Sicilia nel 1967.

«Ho presentato il lavoro concluso alla redazione de I Siciliani e agli occhi scrupolosi di Riccardo Orioles, che stimava infinitamente Fava. Lo hanno apprezzato a hanno deciso di pubblicare l’e-book». Che forse, come anticipa Mara, potrebbe essere anche stampato e che probabilmente verrà presentato in occasione del Maggio dei libri a Catania. Anche la Fondazione Fava, che ha concesso l'autorizzazione per utilizzare le parole del giornalista, ha apprezzato l’impegno della fotografa, che però non ha potuto ricevere il parere di Elena Favascomparsa prima della pubblicazione.

C’è una foto del ’92 che ritrae due signore del quartiere Cibali che lavano i panni nel lavatoio ormai chiuso, una del ’96 dove la protagonista è una classica nonnina siciliana di Ucria con il nipotino, un’altra scattata nelle viuzze degradate dietro il centro storico di Caltanissetta. Del 2012 c'è quella del ragazzino che a Palermo attraversa la strada sulle strisce pedonali insieme al suo cane, «un segno di civiltà» per l’autrice della foto. Il viaggio iniziato con le parole di Fava e portato avanti dagli scatti di Mara probabilmente non è ancora concluso. «Intanto il libro c’è - commenta l’autrice - se ne nascerà un secondo non lo so ancora. Magari lo continuerà qualcun altro con i suoi mezzi di espressione, che siano parole, fotografie o altro».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×