Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, Antimafia discute di inchino ad Assinnata
Convocati sindaco Mangano e consiglieri comunali

È fissata per venerdì la riunione della commissione regionale presieduta da Nello Musumeci sul doppio inchino al boss Turi Assinnata, avvenuto durante le celebrazioni in onore di Santa Barbara, a dicembre. Nella sede Ars di Catania saranno sentiti gli amministratori locali e le associazioni cattoliche organizzatrici della festa

Salvatore Caruso

Il doppio inchino dei portatori di cerei, in occasione della festa di santa Barbara, davanti alla casa del boss Turi Assinnata arriva a Catania. Ad analizzarlo, durante una seduta della commissione antimafia regionale che si terrà venerdì nel capoluogo etneo, ci sarà il presidente Nello Musumeci. Sarà lui ad ascoltare amministratori e consiglieri comunali, dirigenti della burocrazia paternese, rappresentanti dell'associazionismo cattolico e operatori dell'informazione. L'indagine dei deputati regionali è stata avviata a seguito di un dettagliato esposto inviato alla commissione e sottoscritto da sette associazioni che operano a Paternò.

Musumeci lo aveva anticipato a MeridioNews un mese fa: «Potremmo convocare esponenti del Comune per avere chiarimenti sull'accaduto», aveva detto. E così venerdì, assieme alla relatrice Margherita La Rocca Ruvolo, l'onorevole catanese sentirà il sindaco di Paternò Mauro Mangano e alcuni consiglieri comunali (Vito Rau, Ezio Mannino e Nino Valore). Vale a dire i protagonisti di una seduta del senato cittadino ricca di tensione, avvenuta 48 ore prima che il caso dell'inchino esplodesse in tutta la sua drammaticità. In quei giorni il consiglio comunale doveva votare l'immediata esecutività del bilancio 2015: la sua mancata approvazione avrebbe comportato l'impossibilità di effettuare i festeggiamenti per la santa patrona, per via della mancanza delle disponibilità economiche necessarie al pagamento dei portatori dei cerei. 

Un fatto senza precedenti che ha surriscaldato gli animi. Una decina di componenti del comitato dei festeggiamenti di Santa Barbara hanno incontrato in piazza Umberto, all'esterno del palazzo comunale, i tre consiglieri apparsi restii ad approvare il documento economico. Un faccia a faccia durato meno di dieci minuti. Non si è mai saputo cosa sia stato detto nel corso di quel dialogo. Ma al loro rientro in aula i tre politici paternesi sono apparsi scossi e il confronto con il comitato è proseguito anche dentro al palazzo comunale: è stato necessario l'intervento dei carabinieri di Paternò, che hanno identificato consiglieri comunali e devoti della patrona. In quel momento c'erano da verificare eventuali «pressioni» subite da Rau, Mannino e Valore affinché esprimessero il proprio voto.

«Confermo che sono stato convocato dalla commissione antimafia – dice il consigliere Nino Valore - in quella sede racconterò cosa sia successo quella sera. Non poso aggiungere altro». Di poche parole anche il sindaco Mauro Mangano: «Mi auguro che durante l'incontro della commissione non si parli solo del singolo episodio ma della mafia a 360 gradi. Però da questa vicenda del doppio inchino - specifica il primo cittadino - abbiamo avuto modo di notare un fatto estremamente positivo: la città tutta, rispetto al passato, non ha voluto tacere, ha reagito subito, indignandosi e condannandolo».

Intanto sempre a Paternò il prossimo 5 maggio saranno presenti, su invito del senatore Salvo Torrisi, i componenti della commissione nazionale antimafia e la presidente Rosy Bindi: «Servirà ad affrontare il tema della legalità e della presenza della malavita sul territorio - dice Torrisi - Sono convinto che la lotta alla mafia si faccia con la crescita culturale della collettività, non solo con la presenza delle forze dell’ordine». Il riferimento è anche alle riunioni del comitato prefettizio per la sicurezza, che si sommano agli appuntamenti istituzionali delle varie commissioni antimafia, regionali e nazionali. Un'attenzione delle istituzioni focalizzata sui territori di Paternò, Adrano e Biancavilla (il cosiddetto «triangolo della morte») che lascia supporre il timore che la criminalità organizzata stia tentando di rialzare la testa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×