Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Licodia Eubea, incendio all'auto del sindaco 
«Un rogo interno all'abitacolo, forse doloso»

A chiedere l'intervento dei carabinieri di Caltagirone è stato proprio il primo cittadino che, avvicinatosi alla macchina, ha notato i resti di un incendio all'interno del mezzo. Mentre la carrozzeria non è stata intaccata dalle fiamme. «Non escludiamo la pista dolosa», dice il capitano dei carabinieri Matteo Martellucci

Cassandra Di Giacomo

L'automobile del sindaco di Licodia Eubea Giovanni Verga era parcheggiata davanti alla sua abitazione. Stamattina, intorno alle ore 10.30, il primo cittadino del Partito democratico in carica dal mese di maggio del 2012, si è avvicinato all'auto e ha notato qualcosa di strano. «La macchina da fuori non presentava segni particolari ma all'interno c'erano i resti di un incendio», spiega a MeridioNews il capitano dei carabinieri di Caltagirone Matteo Martellucci. Che precisa come il rogo, verosimilmente risalente alla notte precedente, «si è autoestinto, tant'è che non sono intervenuti i vigili del fuoco ma solo i nostri uomini, contattati dal politico». Gli inquirenti non escludono la pista dell'incendio di matrice dolosa e stanno indagando sulla dinamica dell'episodio. Al vaglio dei carabinieri della compagnia calatina ci sono le immagini riprese dai circuiti di videosorveglianza delle abitazioni vicine a quella del sindaco Verga. 

Nel frattempo, diversi esponenti della politica etnea esprimono vicinanza al primo cittadino di Licodia Eubea. Le deputate del Pd Luisella Albanella e Concetta Raia, e l'assessore ai Servizi sociali del Comune di Catania Angelo Villari - del medesimo partito di Verga - invitano «a riflettere sul livello di esposizione e di rischio di chi guida piccole e grandi realtà, in un momento di profonda crisi economica e sociale», dichiarano all'Ansa. «Bisogna impegnarsi perché si ritorni a essere una comunità dove il bene collettivo, la solidarietà e la legalità sappiano prevenire e intervenire non solo su malaffare e prepotenza ma anche sulla disperazione», concludono la nota i politici di centrosinistra. 

Solidarietà al sindaco anche dal sindacato locale della Uil. In una nota affidata alla pagina Facebook del gruppo, il presidente Lucio Barone si ritiene «sconcertato e preoccupato». «Vicinanza al compagno Verga per l'atto vile e intimidatorio perpetrato nei suoi confronti. Per quanto mi riguarda, questa notte hanno incendiato l'automobile di tutti i licodiani», dichiara Barone. Che aggiunge: «L'intimidazione rivolta al sindaco è un attacco alle istituzioni del nostro Comune e a tutta la comunità, a prescindere da come la si pensi. A chi crede di poter inquinare con la violenza e la paura la corretta vita democratica e amministrativa del paese, diciamo che di qui non si passa». «Alzeremo uno scudo di civiltà e un argine di rispetto e di democrazia contro questi atti deplorevoli», conclude il sindacalista. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×