Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pista ciclabile, si dimette il direttore dei lavori
«Interferenze nel progetto ormai insostenibili»

Il geometra che ha disegnato il circuito di Ognina e della Playa rinuncia all'incarico per le troppe intromissioni e richieste di modifiche ricevute. «È difficile trovare la copertura finanziaria», scrive Carmelo Martelli. «I cambiamenti erano da chiedere prima del bando», dice il consigliere Niccolò Notarbartolo

Marco Di Mauro

cantieri delle piste ciclabili di Ognina e della Playa non hanno più un direttore dei lavori. Con la lettera datata 7 aprile si è dimesso il geometra Carmelo Martelli, che ha firmato il progetto originario della corsia riservata alle bici. «Le persone che hanno collaborato alla stesura del progetto adesso interferiscono in maniera pesante sull'andamento dei lavori, chiedendo verbalmente varianti», scrive l'ex direttore dei lavori per motivare la rinuncia irrevocabile all'incarico. La decisione è stata comunicata oggi dal professionista durante la riunione della commissione Lavori pubblici del Comune di Catania, convocata per chiedere spiegazioni sul trasferimento di 300mila euro di fondi per la realizzazione dell'opera e sulle modifiche strutturali con le quali era stata motivato l'aumento del budget. 

La riunione della commissione, terminata alle 10.45, è stata parecchio movimentata. L'atmosfera attorno al tavolo dei lavori «è divenuta insostenibile - aggiunge Martelli - mi si chiede di rieseguire opere per le quali sarà difficile trovare copertura finanziaria dovendo agire nell'ambito delle somme impegnate». Nello specifico delle modifiche richieste, e giudicate non realizzabili, l'esempio portato dal geometra riguarda «le fantomatiche interferenze tra pedoni e biciclette, come se le piste ciclabili dovessero essere blindate da qualsiasi interferenza», scrive il geometra. Lungo il percorso «vi sono sette fermate del bus che hanno il carico e scarico dei trasportati nella pista ciclabile e circa 20 passaggi pedonali che interrompono la pista - precisa il professionista. Un'altra modifica chiesta, che però non sarebbe fattibile, è quella che riguarda i cordoli «che non possono essere posti in linea continua per consentire lo scorrimento delle acque meteoriche», conclude. 

Alle riunioni riguardo alla pista ciclabile - alle quali Martelli fa riferimento - hanno partecipato le associazioni dei ciclisti, dei commercianti ma anche il consulente del sindaco Vincenzo Condorelli e il delegato dell'università di Catania Giuseppe Inturri. Le dimissioni di Martelli «sono la cartina al tornasole di quel denunciamo da tempo - commenta a MeridioNews il consigliere comunale Manlio Messina - L'amministrazione naviga a vista su progetti importanti, molto tecnici. Un atteggiamento da pazzi e da irresponsabili». L'esponente di Fratelli d'Italia giudica giusta la scelta del geometra di rinuncia all'incarico: «Non può sostenere le pressioni di chi vuole cambiare un progetto già appaltato, giocando sulla sua pelle e sulla sua professionalità». L'inaugurazione della pista ciclabile, prevista intorno alla fine di aprile, rischia sempre più concretamente si slittare: «Va completata così com'era stata progettata - aggiunge Messina - Se sono state fatte delle cavolate in fase progettuale andavano riviste prima, non destinando nuovi fondi per un appalto già aggiudicato».

Finché gli uffici del Comune non nomineranno un nuovo responsabile, Martelli resterà al suo posto, come spiega il presidente della commissione Lavori pubblici Niccolò Notarbartolo: «Va individuata una nuova figura professionale che, se Martelli sostiene di non essere sereno nello svolgere il suo compito, sappia risolvere i tanti problemi che stanno emergendo nella fase finale di conduzione dei cantieri». Delle beghe che, secondo Notarbartolo, potevano essere evitate e sono state originate «dall'avere mandato in gara un progetto sul quale poi, solo dopo avere individuato il contraente, sono state richieste delle modifiche strutturali e un incremento di spesa». I lavori sulla ciclabile dovrebbero concludersi entro il 30 aprile: «Nonostante le rassicurazioni sulla puntualità avute da chi si sta occupando dell'opera, avanzo qualche dubbio ma non ho motivo di non credere che i tempi saranno rispettati», conclude Notarbartolo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×