Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cesare Basile e le richieste della Siae ai locali
«Non sono più iscritto ma loro dettano le regole»

È una battaglia che va avanti da anni quella del cantautore catanese contro la società che gestisce in regime di monopolio i diritti d'autore degli artisti italiani. «La legge prevede che possa tutelarmi da solo - spiega - ma non lo sa nessuno e loro continuano a richiedere pagamenti per i concerti»

Mario Cappello

Foto di: Fabio D'Alessandro

Foto di: Fabio D'Alessandro

Organizzare un concerto di un artista non iscritto alla Siae potrebbe rivelarsi particolarmente difficoltoso. Ne sa qualcosa Cesare Basile, cantautore catanese, che ha deciso di dimettersi dalla società che gestisce i diritti d’autore. Dopo aver deciso, nel 2013, di non ritirare il premio Tenco in solidarietà ai teatri occupati attaccati duramente dalla Siae, Basile rilancia contestando la gestione dell’ente, che svolgerebbe il proprio ruolo anche al di là delle competenze previste dalla legge. «Quando qualcuno prende posizione dà fastidio - dichiara il cantautore a MeridioNews - prendo atto però del silenzio di molti colleghi. Nonostante io abbia deciso di uscire fuori dalla Siae, con una lettera di dimissioni accettate, continuano a chiedere adempimenti burocratici che non spettano ai gestori dei locali per cui suono». 

La vicenda di Basile dimostra che, nonostante il regime di monopolio della società, è possibile uscire dal sistema Siae. Eppure, una volta fuori, si è comunque costretti a scontrarsi con una giungla legislativa fatta di regolamenti e interpretazioni. L’accusa di Basile è chiara: in Italia manca un ragionamento condiviso sulla tutela del diritto d’autore e spesso le procedure da attivare per l’organizzazione di un evento variano secondo gli uffici Siae territoriali. «È una vera e propria schizofrenia del sistema - spiega - gli uffici sono centri di potere e decidono, di volta in volta, di dettare le regole. Io mi attengo a quanto previsto per gli autori non iscritti: rilascio una dichiarazione agli organizzatori, sollevandoli da ogni responsabilità, in cui certifico che i miei pezzi non sono tutelati dalla Siae. Dunque alla società non spetta alcun compenso». Spesso però, denuncia Basile, è capitato che agli organizzatori venissero comunque richiesti i cosiddetti borderò Siae.

«Se io stabilisco un compenso per una serata, il mio lavoro è già pagato - aggiunge il cantautore - Perché dovrei guadagnare da questo meccanismo? La legge che tutela il diritto d’autore prevede che la Siae possa rappresentare, come società, il diritto d’autore degli iscritti. Ma la stessa legge prevede che i diritti possano essere tutelati anche individualmente, direttamente dagli artisti. Questo però lo sanno in pochi». E così la maggior parte degli artisti si affidano a quello che, per Basile, è «un meccanismo pachidermico e vecchio». La Siae, che conta oltre 80mila iscritti, non naviga in buone acque da molto tempo. Ci sono poi le polemiche su quello che è stato definito il golpe dei ricchi, e cioè la modifica statutaria del 2011 che prevede il principio di un voto assembleare per ogni euro guadagnato, cosa che di fatto taglia fuori i piccoli associati. «Si usa la scusa della gestione dei diritti d’autore dei molti per mantenere i privilegi dei pochi», commenta il cantautore catanese. 

I compensi provenienti dai concerti, ma sopratutto il fondo comune in cui confluiscono i forfait radiotelevisivi della diffusione vengono ripartiti con criteri che, dice Basile, favoriscono gli artisti che vendono di più. A scapito dei più piccoli a cui toccano le briciole. «Bisognerebbe ridiscutere il ruolo dell’artista, del suo reddito». Anche guardando all'estero. «Ci sono esempi di ordinamento, come quello francese, con cui si può essere d’accordo o no, ma che regolano addirittura i periodi di inattività». Ed è scaduto in questi giorni, intanto, il termine per il recepimento da parte dell’Italia della direttiva europea che ridisegna il mercato dell’intermediazione dei diritti. Entrata in vigore due anni fa. Una norma che determinerebbe la definitiva liberalizzazione del mercato, concludendo il regime monopolistico della Siae durato 134 anni

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews