Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

NoFrontex days, pronta due giorni di manifestazioni
Promotori: «No razzismo, i migranti cercano futuro»

Un corteo che parte dal porto di Catania e arriva nei pressi del monastero di Santa Chiara, workshop e una riunione davanti al Cara di Mineo per discutere di immigrazione, diritto d'asilo e corridoi umanitari. E «per dire no alle attività dell'agenzia europea Frontex», dice l'attivista Alfonso Di Stefano

Redazione

«Basta morti nel Mediterraneo». È questo lo slogan della manifestazione NoFrontex days che si terrà a Catania da sabato 16 aprile a giorno 17 per protestare contro le attività dell'agenzia Frontex, le guerre dell'area euromediterranea e il razzismo. La tre giorni è promossa da Rete antirazzista catanese, coordinamento dei comitati NoMuos, La città felice, Cobas scuola Catania, Catania bene comune, CarovaneMigranti Italia-México-Mediterraneo, Campagna LasciateCIEntrare, Garibaldi 101 di Napoli e associazione Diritti e Frontiere ADIF. Ad aderire, accanto agli organizzatori, numerose altre associazioni di attivisti per i diritti umani che hanno stilato un fitto programma di incontri. Il primo dei quali è fissato per sabato 16 alle ore 9.30 alla palestra Lupo, dove si terranno quattro workshop: sulle pratiche di occupazioni, contro la violenza e la militarizzazione, sulla questione curda e, l'ultimo, sui processi di identificazioni di dispersi e deceduti. A seguire, alle 15, corteo di manifestazione dal Porto di Catania fino alla sede del Gapa, in via Cordai 47, per l'assemblea pubblica delle ore 18. 

Il programma prevede eventi anche per la giornata di domenica 17, che sarà aperta da un incontro interetnico di fronte al Cara di Mineo, alle 10. Mentre alle 18 gli interessati sono invitati a partecipare a un'assemblea cittadina sul naufragio del 18 aprile 2015 e desaparecidos delle frontiere. Appuntamenti che si terranno alla palestra occupata di piazza Pietro Lupo. Tanti i temi sui quali le associazioni promotrici della manifestazioni interverranno. Dalle attività di Frontex e all'apertura di una sua sede proprio a Catania - al monastero di Santa Chiara -, alla necessità di istituire il diritto d'asilo europeo e i cosiddetti corridoi umanitari con il Nord Africa e il Medioriente. 

«Frontex non ha alcun diritto a stare qua e il sindaco Enzo Bianco dovrebbe vergognarsi a regalare uno degli immobili più antichi della città all'agenzia militare», sostengono gli attivisti. «In occasione dell'anniversario di una delle più grandi tragedie dei naufragi, vogliamo denunciare il trasferimento di Frontex da Anversa a Catania, insieme al proliferare degli hotspot in Sicilia», dice il referente di Rete antirazzista catanese Alfonso Di Stefano. «È un fatto molto grave, soprattutto perché tutto ciò porterà in città soprattutto la polizia di frontiera», continua l'attivista. «Si deve capire che i migranti arrivano per lavorare, per costruirsi un futuro», prosegue Di Stefano. Per la tre giorni «non ci illudiamo di avere un grosso riscontro ma ci aspettiamo di raggiungere almeno le 500 presenze», conclude.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews