Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Uffici di polizia tra crolli e infiltrazioni piovane
I sindacati: «Dalla questura un muro di gomma»

Il cedimento del tetto all'interno del commissariato di Caltagirone riaccende l'attenzione sullo stato delle strutture della polizia. Numerosi gli edifici che a Catania si trovano in condizioni precarie. I rappresentanti degli agenti: «Da anni denunciamo carenze e danni, ma non riceviamo risposte»

Mattia S. Gangi

«Un muro di gomma», è così che Marcello Rodano, segretario del Movimento dei poliziotti democratici e riformisti, definisce l'atteggiamento del questore nei confronti delle diverse denunce sullo stato degli uffici di polizia. Ambienti poco puliti, edifici senza certificazioni antiincendio, infiltrazioni, danni strutturali e affitti eccessivi. Sono queste le condizioni in cui si trovano le otto questure e i 24 uffici della polizia di Stato sul territorio di Catania e provincia. A denunciarlo due sindacati di polizia che, da anni, cercano di portare all'attenzione nazionale la situazione. «Non è sicuramente colpa del questore Marcello Cardona se oggi ci troviamo così - continua Rodano - tuttavia non mi sembra la persona più attenta ai problemi di sicurezza dei lavoratori». Un giudizio severo, che pesa come un macigno sulla nuova gestione della questura etnea, soprattutto perché proviene da un ambiente gerarchico -  solitamente poco avvezzo alle critiche interne - come quello della pubblica sicurezza.

A riportare l'attenzione sulle condizioni delle strutture di polizia, il crollo del tetto dell'ufficio denunce del commissariato di Caltagirone avvenuto nel pomeriggio di domenica scorsa. Una «tragedia sfiorata» - come la definisce il segretario Rodano - che ha danneggiato seriamente i locali e le forniture ma che, fortunatamente, non ha ferito nessuno. «Un miracolo, se consideriamo che stiamo parlando di un posto solitamente pieno di gente. Ci sarebbero potuti essere dei morti, si sono rotti dei tavoli per il peso dei calcinacci». Il cedimento, causato probabilmente da infiltrazioni piovane, ha distrutto la sala, costringendo il personale a spostarsi negli altri ambienti già occupati dell'edificio. Con gli ovvi disagi per i lavoratori e gli utenti del commissariato. 

Il caso di Caltagirone è solo la punta di un iceberg che mette a nudo presunte carenze e deficit in materia di certificazioni di sicurezza. A raccontarle a MeridioNews è Tommaso Vendemmia, segretario del sindacato di polizia Siap: «A Caltagirone già nel 2008 abbiamo inviato un esposto all'ufficio di vigilanza del ministero che, dopo gli accertamenti dovuti, ci comunicò l'inizio dei lavori necessari. Noi ci siamo fidati, ma evidentemente nulla è stato fatto». Il sindacalista ricorda inoltre il caso del decimo reparto mobile di Corso Italia, a Catania, bonificato dall'amianto, ma ancora in pessime condizioni: «Il capannone del reparto era pieno di eternit. Dopo le nostre denunce il proprietario ha rimosso il materiale ma la situazione rimane precaria. Le palazzine presentano cedimenti sulla facciata, i cornicioni sono pieni di screpolature, i bagni in disuso, l'umidità sale da terra e ci sono infine problemi con gli impianti elettrici. Tanto che è a gennaio è scoppiato un incendio».  A mancare, secondo Vendemmia, sono «la certificazione di prevenzione antincendio» e «le verifiche antisismiche».

Un problema che non si limita solo al decimo reparto, ma sembra essere comune a molte strutture, sia di proprietà delle pubbliche amministrazioni che dei privati. Come, ad esempio, l'ufficio del personale in via Ventimiglia 18, l'ex carcere borbonico dove sono presenti «infiltrazioni dal tetto, cedimenti vari mai risolti - continua il poliziotto del Siap - e problemi con le certificazioni antincendio». 

Un altro nodo da risolvere è quello che lo stesso questore Marcello Cardona - durante l'evento organizzato dall'amministrazione comunale sabato scorso - ha definito «la più grande sconceria che ho ereditato». Il riferimento è al cosiddetto Garage questura, sede della motorizzazione civile. Di proprietà della Vir Immobiliare, l'edificio costa ogni anno circa 680 mila euro allo Stato e «presenta problemi di certificazioni» afferma Tommaso Vendemmia. Anche la questura centrale di piazza Nicolella non è esente da alcuni problemi: di proprietà della Banca d'Italia, da anni la struttura dev'essere ristrutturata a causa delle infiltrazioni d'acqua nella sala operativa. La sede della squadra mobile, anch'essa in via Ventimiglia non ha uscite di sicurezza e «anche qui - spiega il sindacalista - credo non ci siano certificazioni antincendio». L'ultima è la divisione amministrativa e sociale, sede dell'ufficio immigrazione di viale Africa.  Anche li, in fine, ci sarebbero prescrizioni dei vigili del fuoco che secondo il sindacalista «non sono state ottemperate». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews