Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, incendiati 25 bidoni della spazzatura
Sindaco: «Dietro c'è un progetto criminoso»

Diversi cassonetti dei rifiuti sono stati dati alle fiamme da un gruppo di ignoti lo scorso finesettimana. Un fenomeno che non si verificava in città da qualche mese e che preoccupa il primo cittadino Pippo Ferrante. Il quale annuncia che l'azienda Roma costruzioni ha denunciato gli episodi alle forze dell'ordine

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

A distanza di quattro mesi dall'ultimo episodio, ad Adrano alcuni cassonetti sono stati dati di nuovo alle fiamme. Ad appiccare il fuoco pare sia stato un gruppo di ignoti. Le azioni delinquenziali si sono verificate nel corso dell'ultimo fine settimana con l'incendio in contemporanea di bidoni dei rifiuti collocati in diversi punti della città, tutti distanti tra loro. Il clou si è registrato nella notte tra sabato e domenica, quando alcune persone di cui non si conosce ancora l'identità hanno accesso la miccia quasi all'unisono in contrada Dagala e nella zona degli alloggi popolari di via De Filippo. Nei diversi siti interessati dal rogo sono intervenuti i vigili del fuoco del comando di Adrano. 

In totale sono oltre 25 i cassonetti inghiottiti dalle fiamme insieme a tutta la spazzatura in essa contenuta, che ha reso l'aria irrespirabile. Duro il commento del sindaco Pippo Ferrante, il quale ha reso noto che, alla luce degli incendi di presunta matrice dolosa, il titolare dell'azienda che si occupa dei rifiuti in città, la Roma costruzioni di Gela, ha sporto nella giornata di ieri denuncia contro ignoti. «È evidente che c'è un progetto criminoso, il tentativo di creare emergenze o di mandare messaggi. Abbiamo denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine che sicuramente sapranno cosa fare. Voglio ricordare ai cittadini che l'amministrazione ha attivato il servizio Whatsapp Io partecipo (3351351224) che troverete anche nel sito del comune. Il contatto serve per segnalare ogni tentativo di mancato rispetto delle regole o di inciviltà», ha detto il primo cittadino di Adrano. 

«I danni arrecati all'azienda sono ancora da quantificare. Si potrebbero aggirare sui 15mila euro, è inevitabile che i danni derivanti dagli incendi - ha proseguito Ferrante - si riversino sull'ente comunale, il quale a breve dovrà provvedere a pagare l'azienda, la quale affronterà delle spese extra relative all'acquisto dei cassonetti bruciati». Nel periodo natalizio in contrada Santuzza - l'area delle vigne - alcuni ignoti hanno bruciato i cumuli di rifiuti che da giorni avevano invaso la zona e il risultato fu uno spaventoso rogo che divorò contenitori di plastica della spazzatura. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×