Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La.Ra., metà azienda torna al figlio del mafioso
«L'agenzia per i beni confiscati non fa ricorso»

I dipendenti dell'azienda, senza stipendio da febbraio, hanno protestato davanti alla prefettura di Catania. Una sentenza d'Appello ha restituito a Salvatore La Mastra, figlio del condannato Carmelo, il 50 per cento delle quote sociali. «Lo Stato non ha impugnato il provvedimento e adesso è definitivo», lamenta un lavoratore

Marco Di Mauro

Prima la speranza del rilancio, poi una sentenza «che fa rimanere la La.Ra. nello stato comatoso in cui si trova da tempo». Lo lamentano i lavoratori che, senza stipendio da mesi, lunedì hanno protestato davanti alla prefettura etnea. La corte di Appello di Catania a febbraio ha restituito a Salvatore La Mastra la metà delle quote della ditta sequestrata nel 1997 e poi confiscata per mafia perché ritenuta legata al padre, Carmelo La Mastra, considerato legato al clan Santapaola. Decisione che avrebbe fatto decadere la promessa di finanziamenti e occasioni di lavoro fatta, nel corso di una riunione, dal direttore dell'agenzia che per conto dello Stato si occupa dei beni sottratti alla malavita (Anbsc), il prefetto Umberto Postiglione. Ad aggravare la situazione ci sono anche i pagamenti arretrati, che l'impresa attende da tempo.

La decisione dei giudici di Appello «è stata accolta con grande sorpresa da parte di tutti i dipendenti», dice a MeridioNews uno di loro. Il tribunale ha fatto parzialmente marcia indietro rispetto a quanto stabilito nella sentenza di primo grado, in cui Salvatore e Mariagrazia La Mastra - titolari ognuno del 50 per cento della La.Ra. - venivano considerati solo dei prestanome del padre, condannato in via definitiva per mafia. In attesa del giudizio sul ricorso presentato dalla figlia, la magistratura ha restituito la metà delle azioni al figlio, smentendo che si tratti di un semplice testa di legno. «La sentenza poteva essere impugnata, ma questo passaggio non è stato fatto. Perché?», si chiede un dipendente dell'impresa.

Scaduti i termini per il ricorso - «che poteva essere presentato dall'agenzia per i Beni confiscati» -, metà delle quote che erano dello Stato sono state restituite, in via definitiva, al vecchio proprietario. Allora a fare marcia indietro sarebbe stata anche la stessa Anbsc: «In un incontro avuto in prefettura, Postiglione aveva promesso il rilancio attraverso fondi europei e la possibilità di sottoscrivere nuovi contratti di lavoro», continua il dipendente. Ma circa 20 giorni dopo il deposito della sentenza «l'amministratore della ditta, Angelo Bonomo, ci ha comunicato che lo Stato non poteva dare soldi a un'azienda per metà nuovamente privata».

Lunedì i lavoratori della La.Ra. sono scesi di nuovo in strada. Si sono riuniti e hanno organizzato un sit-in davanti alla sede della prefettura di Catania. «L'azienda lavora in perdita e pare destinata al fallimento - aggiunge il lavoratore - Con maggiore e più tempestivo interesse politico e da parte dell'Anbsc si sarebbe potuta salvare, adesso temo non più». La ragione dello sciopero riguarda, oltre alla sentenza d'Appello, anche gli stipendi dei 24 operai rimasti, che non vengono pagati da febbraio. «La La.Ra. avanza commissioni da parte di Tecnis, dai Comuni di Noto e Niscemi e pure dalla procura di Catania», spiega una nota della Cgil.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews