Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Elezioni Ramacca, nuova moneta accanto all'euro
Paolo D'Amato: «Ripartire grazie alla spazzatura»

Il candidato di Progetto Sicilia incentra il suo programma sul potenziamento della differenziata: «Risparmi e ricavi che ne deriveranno serviranno a sostenere le famiglie, specie quelle bisognose». Progetto simile al reddito dui cittadinanza del M5s «che, invece di dialogare con noi, ci fa la guerra», dice

Foto di: Pagina Facebook ufficiale

Foto di: Pagina Facebook ufficiale

Vuole mettere da parte quelli che definisce «i parassiti della politica»Paolo D'Amato, candidato a sindaco di Ramacca con il movimento Progetto Sicilia, per convincere gli elettori ha stilato un programma basato su tre punti fondamentali: piena occupazione, reddito sociale e l'introduzione della moneta Grano da affiancare all'euro. Progetti ambiziosi come quello di accreditare dei soldi alle famiglie disagiate e creare centinaia di posti di lavoro per i giovani concittadini. D'Amato per 20 anni ha gestito un pub nel centro calatino, ma da sette ha «abbandonato la vita notturna» ed è stato tra gli irriducibili protagonisti di una lunga mobilitazione.

Durante la protesta davanti alla Serit di Catana, lei è stato uno degli irriducibili rimasti incatenati fino alla fine. Cosa avete ottenuto?
«Volevamo mettere in luce come un ente parastatale stesse sottoponendo a una vera e propria usura le nostre famiglie e quella manifestazione ha sensibilizzato tantissime persone».

Nel suo programma, tra i vari punti, ci sono quelli di accreditare diecimila euro (830 mensili) alle famiglie disagiate e creare 200 posti di lavoro per i giovani ramacchesi. Come pensa di riuscirci?
«Tutto parte dalla raccolta differenziata. Attraverso la separazione massiccia dei rifiuti potremo risparmiare 5,6 milioni di euro con cui coprire i costi del sussidio e impiegare più personale. Il piano di copertura è dettagliato: risparmieremo 2,5 milioni dal servizio discarica, rimborseremo la Tari che dal 2017 raddoppierà, godremo di un milione di bonus statale per la gestione dei rifiuti. Tutto, però, solo se diventerò sindaco e se si riuscirà a raggiungere il 65 per cento sul totale dei rifiuti prodotti dalla città».

C'è poi il sistema monetario Grano. In cosa consiste e come pensa di trovare la copertura economica?
«L'obiettivo è quello di creare un circuito chiuso che porti a investire sull'economia locale, ma sarà anche possibile cambiare in euro gli importi accreditati. Il programma persegue gli stessi obiettivi di quello del Movimento 5 stelle che parla di reddito di cittadinanza, ma non mi spiego come mai, anziché dialogare con noi sulle idee, ci facciano la lotta». 

La sua sembra una provocazione...
«Il nostro programma è stato anche verbalizzato all'Ars. Forse il loro è tutta propaganda?».

Lei viene visto come un outsider. Pensa che la vera partita si giochi a due tra Limoli e l'uscente Zappalà?
«La partita non è scritta. Il paese sta reagendo in modo forte alle nostre proposte». 

Lei però ha una sola lista, mentre candidati come Limoli ne hanno cinque con 80 candidati al Consiglio comunale. Non crede che sia uno svantaggio?
«Questo gioca piuttosto a loro sfavore. I cittadini si stanno rendendo conto che in quelle liste ci sono gli esponenti che da 40 anni portano avanti la solita politica. Stavolta a vincere non sarà il gigante Golia, ma il piccolo Davide».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews