Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Strage del Mediterraneo, chiesti 24 anni di carcere
Per gli scafisti del viaggio concluso con 700 vittime

Mohammed Alì Malek e Ahmud Bikhit sono accusati di essere il capitano e l'aiutante nella traversata dei migranti dalla Libia finita in tragedia. Secondo i difensori sarebbero poco chiari alcuni passaggi, in particolare quelli relativi al soccorso in mare del mercantile King Jacob. Tempi lunghi per il recupero del peschereccio 

Dario De Luca

Il 18 aprile 2015 Mohammed Alì Malek Ahmud Bikhit avrebbero causato la più grande strage di esseri umani nel mar Mediterraneo. Ne sono convinti i magistrati della procura di Catania che al termine dell'udienza di oggi hanno chiesto la condanna a 18 anni di carcere per il presunto capitano del peschereccio e a sei anni per il suo aiuto mozzo. Arrivati in aula alle 11, accompagnati dalla polizia penitenziaria, i due imputati hanno assistito all'udienza da dietro le sbarre, seduti accanto, dentro a una piccola cella. Le loro posizioni processuali sono però nettamente diverse: Alì Malek, 28 anni originario della Tunisia, è accusato di strage in mare, omicidio colposo plurimo e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Quest'ultimo reato è la stesso che viene contestato al siriano Bikhit. Per entrambi, dopo l'ispezione subacquea, è caduta l'ipotesi del sequestro di persona.

Per i magistrati Andrea Bonomo e Rocco Liguori il naufragio, in cui persero la vita 700 persone, sarebbe da imputare alla manovra errata di Alì Malek nell'avvicinamento al mercantile portoghese King Jacob. La nave cargo dirottata a largo delle coste libiche dalla centrale operativa della Guardia costiera italiana dopo le richieste di soccorso in mare fatte con un telefono satellitare. Gli uffici giudiziari etnei, nel 2015 ancora guidati da Giovanni Salvi, hanno sempre escluso qualsiasi responsabilità per l'equipaggio del mercantile. Passaggio che tuttavia non ha mai convinto le difese e che potrebbe essere analizzato nelle prossime due udienze. Appuntamenti dove prenderanno la parola gli avvocati Giuseppe Ivo Russo e Massimo Ferrante. «La richiesta di oggi era attesa - spiega il primo, che difende Bikhit -, ma forse c'è una corresponsabilità colposa del mezzo che ha prestato i soccorsi». Alcuni membri dell'equipaggio del King Jacob sono stati sentiti dagli inquirenti a Palmi, in Calabria, subito dopo l'approdo del mercantile al porto di Palermo.

Forse c'è una corresponsabilità colposa del mezzo che ha prestato i soccorsi

In aula, ad alternarsi durante l'udienza che si svolge con il rito abbreviato davanti alla giudice Daniela Monaco Crea, sono stati entrambi i magistrati. Liquori e Bonomo nella loro requisitoria hanno ripercorso la storia del naufragio anche attraverso le testimonianze raccolte in passato dalla voce di 12 superstiti. Il viaggio sarebbe stato diviso dai trafficanti in più passaggi: dalla traversata lungo il deserto del Sahel fino a una lunga sosta, in alcuni casi durata mesi, all'interno di alcune fattorie nei pressi di Tripoli. Nella città libica, uomini, donne e numerosi minori sarebbero stati minacciati con l'uso delle armi e avrebbero pagato somme variabili tra 500 e mille dinari per il viaggio verso la Sicilia. Tra le parti civili del processo ci sono due sopravvissuti che all'epoca dei fatti erano minorenni

Il relitto del peschereccio, che si trova a cento chilometri dalla Libia a una profondità di 370 metri, è finito anche al centro di un'operazione di recupero voluta dal governo italiano ma che non avrà nessuna attinenza con l'inchiesta giudiziaria. L'obiettivo è quello di recuperare il natante insieme a quello che rimane al suo interno di circa 500 vittime. Tutto verrà poi trasferito al porto di Augusta. Una grande operazione da decine di milioni di euro «per aprire gli occhi all'Europa», come ha spiegato il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Il progetto però al momento si è arenato a causa delle cattive condizioni del mare, e i tempi sembrano allungarsi sempre di più. All'opera ci sono quattro navi della Martina militare e 150 uomini.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×