Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Commissariato Adrano, rischio crolli ed eternit
Sindaco: «Mancano fondi per ristrutturazione»

Il Siap denuncia le condizioni in cui operano i poliziotti all'interno della struttura - già parzialmente interdetta nel 2007 e per la quale viene pagato al Comune un affitto di 67mila euro -, e temono la chiusura. «Rischio non imminente, ma situazione peggiora», spiega il vice questore Gianluca Consoli. Guarda le foto

«I poliziotti di Adrano operano in condizioni di pericolo». Ma per loro, a differenza dei colleghi del resto d'Italia, il rischio non sarebbe generato solo dalla crescente criminalità quanto pure dalle peggiorate condizioni del commissariato. Lo denuncia il Sindacato italiano appartenenti alla polizia (Siap): «Oltre a muri e tetti pericolanti è stata riscontrata la presenza di eternit in soffitta», spiega il segretario Tommaso Vendemmia. La struttura, di proprietà comunale, era già stata parzialmente interdetta nel 2007 a seguito di un sopralluogo. Da allora le condizioni sono peggiorate, alimentando il timore della possibile chiusura totale che però «i tecnici del Comune ci hanno assicurato non essere, per adesso, concreta», replica il dirigente del commissariato Gianluca Consoli, vicequestore.

Sono le infiltrazioni piovane, che provengono dal tetto, ad avere compromesso parte dell'edificio e a stare aggredendo adesso anche le zone prima risparmiate. L'acqua trapela dalle tegole e raggiunge la soffitta «dove si trovano vasche in amianto, le cui polveri filtrano in questo modo nel resto dei locali», dice Vendemmia. I contenitori «sono stati collocati 12 anni fa e non vengono nemmeno utilizzati», spiega Consoli. Tuttavia, nonostante la pericolosità, non potranno essere rimossi in tempi brevi: «Il Comune ha già disposto degli interventi, che però saranno realizzati in economia», dice il sindaco Giuseppe Ferrante. Gli operai inviati dal municipio sarebbero già al lavoro da 15 giorni «per sistemare i locali che ne hanno maggiore necessità e mettere in sicurezza l'impianto elettrico», precisa il primo cittadino. Le condizioni dell'edificio - che al Comune vale un affitto di 67mila euro l'anno - restano comunque critiche a detta del sindacato, che teme la chiusura totale.

Più cauto è il dirigente del commissariato adranita Gianluca Consoli: «In questo momento non c'è il rischio di chiusura, né di crolli. Ma se non verranno fatti interventi sostanziali, che eliminino le infiltrazioni, la situazione è destinata a peggiorare». Invito che però l'amministrazione non può raccogliere: «Potremo agire più a fondo solo una volta che sarà approvato il bilancio», conclude il sindaco Ferrante. Il precedente del commissariato di Caltagirone - interdetto proprio per ragioni di sicurezza - tiene in allerta il Siap: «Un territorio come quello adranita, che di recente ha visto intensificarsi il fenomeno criminale, avrebbe bisogno di rinforzi - commenta Vendemmia - Ma ciò è impossibile se i locali del commissariato non garantiscono la sicurezza già al personale attualmente attivo». Per spronare le istituzioni a un intervento immediato, il sindacato ha perciò inviato alla prefetta e al questore di Catania la segnalazione, con foto, che denuncia le condizioni della base di polizia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews